Dapò che sé sì dolce anema mia

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Dapò che sé sì dolce anema mia
XVI secolo
Edission e fonte ▼

Dapò che sé sì dolce anema mia,
che ve piase i mii versi e i domandè
in ogni luogo, in giesia, in piazza, in via.
Vei dago, son contento, orsù, tiolé,
5tiolé sti puochi che ho fati per vu,
e aceté el cuor se i no è co merité.
Perché mi son un certo sier costù,
che vago via a la netta, e via a la grossa,
e quel che fazzo no ghe penso su,
10e se no fusse che casco in angossa,
e che ho ‘l rantego in gola co ve vedo,
certo no scriverave de sta cossa.
Ma no posso restar, che l’esser ledo
in le cosse d’Amor apporta danno,
15e mi el confermo perché ‘l provo e ‘l vedo.
E però per cavarme de sto affanno,
no volendo far versi ghe ne fazzo,
ma so che perdo el tempo e che m’inganno.
Orsù, e ve ‘l digo, e me cavo d’impazzo:
20mi son de vu, madonna, inamorao,
no sté a rider e storzer el mustazzo.
L’è vero, credél certo, e l’ho zurao
che pur che me amessé torrìa de patto
de star un anno al remo incaenao.
25Ma a dir el vero, po’ far del mio gatto,
ne séu una bella donna tra le belle?
O benedetta quella che ve ha fatto.
No havéu do occhi bei co xe do stelle?
No havéu una fronte allegra e un sì bel viso
30ch’un sì bel no ghe ne ha za fato Apelle?
No havéu un bochìn dove stà Amor diviso
da lu medemo, e quando che ridé,
el ferisse ogni cuor col vostro riso?
Ma no séu granda e grossa, sì a la fè?
35Mo le tette no xele sì sgionfette
che tutti chi le vede muor da sé?
I denti, po, no xelli perle elette?
I lavri no ei coralli de rossezza?
No séu de late, e vin, ruose, e moschette?
40Pur chi volesse dir la zentilezza,
l’altre virtù, la cortesia e bontà,
che ve fa degna d’ogni grado e altezza,
bisognerave haver ben studià,
e non esser un goffo co son mi,
45ma un homo de suprema autorità.
Se adonca vu sé tal, se sé cussì,
perché no diebo, colonna, honorarve?
Mo no saràvio un turco? Madessì.
Ve voio ben pregar e strapregarve
50che ve degné anca a mi portarme amor,
che no farò mai altro che laudarve.
E saré la patrona del mio cuor.