Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/375

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Non si può leggere senza stupore la magnanimità di Enrico, il quale chiamato dai crociati a cingere le tempie canute della corona imperiale, la ricusò per rimaner doge di Venezia.

Quell'epoca (1202) fu certo una delle più clamorose delle venete glorie.


XCVIII


Co' son in mezzo al mar ogni matina
Saludo a cielo placido una stela;
Perchè a ela ogni popolo se inchina,
Cò 'l vive al ragio de una fede bela;
Perchè tuta la zente de marina,
Più che in altro poder confida in ela,
E po ghe digo subito quell'ave
Che a vele piene andar fa la mia nave.


È questo un canto divoto che il marinaro veneziano rivolge a Maria Vergine.

Quasi tutti i naviganti hanno special divozione alla Madonna, e ne portano l'immagine sopra una medaglia appesa al collo.


Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/375&oldid=61574"