Care viscere mie, quando che ti

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Care viscere mie, quando che ti
XVIII secolo
Edission e fonte ▼

Care viscere mie, quando che ti
movi così vezzosi quei do occhietti,
me sento desmissiar tutti i affetti
4in maniera che, oh Dio!, no posso pi.

Ma sempre, anema mia, sempre cussì
per riguardi del mondo maledetti
tegnerò con gran fame i denti stretti
8a tola tonda dopo mezzodì?

Signor, se Sant’Antonio nel deserto
avesse visto un sì leggiadro viso,
11e quel bocchin col ride mezzo averto,

o che lu saria morto all’improvviso
o, messi tutti li organi in sconcerto
14sul culo oh se pettava el Paradiso!