Canzon (del viso)

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Canzon (del viso)
XVI secolo
Edission e fonte ▼ Canzon piccenina (de la man)  →

La terra e 'l ciel s'averse
quel dì che me ho partìo,
che all'hora me ho sentìo
cascar dal paradiso
5zo da l'anime perse
quando giera presente a sì bel viso,
ohimè, che haveva el cuor
che giera un scrigno del piaser d'amor,
e giera cusì pien
10d'una interna dolcezza,
che me abbondava all'hora,
che spandeva de fuora
dai occhi, dalla bocca, l'allegrezza.
Son sta un tempo sì ben,
15che se fosse sta un altro per un dì,
me haverave invidià sì nome mi.
Ma, fortuna incostante,
chi te puol prestar fede?
Chi è culù che te crede
20che ti no 'l fazzi al fin
parer un ignorante?
che se puol dunca in ti fissar un fin?
Mo chi se puol fidar
se ti tradissi ogniun a lungo andar?
25Per ti me son pur fatto
misero amante al mondo,
posso pur tuor un lazzo
e cavarme de impazzo,
ogni gramo meschin mi è pur segondo.
30Porìa pur el mio stato,
che ti l'ha vogiù trazzer cusì in basso,
far suar per pietà lagreme a un sasso.
Tutto 'l resto è un piaser,
che drio la manna e 'l miel
35gustar l'incenso e 'l fiel
xe amaro a chi no è uso.
Quel sì se puol doler
d'esser a basso che è sta prima in suso.
Ma fala co ti vuol,
40fa pur, fortuna, pezzo che ti puol,
che ti no farà mai
che no viva in custìa,
che no l'ama in eterno,
che amor no habbia el governo
45de sta vita che è soa, che giera mia.
Ti puol ben far assai,
mo al to despetto co anderò pi inanti
l'haverò più che mai sempre davanti.
Ho vardà cusì fisso
50in la so pura neve,
che me fa el viver breve,
che se ben la me manca
pur dove mi me affisso,
ogni cosa che vedo me par bianca.
55Bianca aurora del cielo
vedo quel viso pur lucido e bello,
parlo pur con ti adesso,
ti no me scampi za,
ti xe qua viva e vera,
60cognosso pur sta ciera,
ti è pur ti, mi son mi, semo pur qua,
te ghe son pur appresso.
Fortuna iniqua, métime mo al forte,
che no me puoi spartir altro che morte.
65Mo se 'l bel me delletta,
no fazzo, forsi, gramo,
effetto d'homo, se amo,
e se tanto me piase
una niova Anzoletta,
70forsi colpa del ciel, se no n'ho pase,
che me ha fatto partir
da dove dessegnava de morir.
E se co 'l bel ghè insieme
valor, gratie e virtù,
75mo no diebbo per essa
perder la vita istessa?
La vita ha nome ste riliquie estreme,
so ch'el ciel n'ha tegnù
quanto el ghe ha, e so anche con mio danno
80che un'altra no puol dar simile affanno.
Canzon fatta col pianto,
trova quel viso santo,
e s'ti vedi che pietà l'adorna,
dighe co un sospiro
85che me è dolce el dolor, se ben morisse,
se dal mio mal la so pietà fiorisse.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Canzon_(del_viso)&oldid=41390"