Arringa sul Decreto di Abolizione de' Frati/10

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
[p. 80 modifica]
X


Perchè Vostre Zelenze no sospeti
     Che qua mi vogia con un sforzo d’arte
     3Ne la so mente intrigarghene i ogeti,
Ne la letura adesso de ste carte
     Le se provi (le prego) d’acordar
     6Se ghe riussisse mai st’ultima Parta
Con quelo che i ga fato decretar,1
     E de trovarghe l’interpretazion
     9Che sto novo san Paulo ghe vol dar.
Che no so come la Deputazion
     La s’abia da sta Parte destacà
     12Ne l’intender la so’ Regolazion,
Nè come i siori Savj abia segnà
     Decreti oposti al senso leteral
     15De la legislativa Podestà;
Nè come ch’el Pregai, dov’è una tal

[p. 81 modifica]

     Massima de costanza e robustezza,
     18A se stesso in sto afar el sia sta ugual.
E qua ghe dirò, che gh’è tal sicurezza
     Del colpo che à da farghe la letura
     21De sta Parte, che sin l’avedutezza
No ariva a darghe una tentura
     Del contenuto perchè la ghe arivi
     24Ne la so vera natural figura.
E aciò Vostre Zelenze no le ascrivi
     A spirito de partido el mio fervor
     27D’usar colori tropo forti e vivi,
Le ghe ne sentirà tuto el tenor
     E le rileverà la diferenza
     30Tra sto Interprete e tra ’l Legislator.
Ghe darèmo però la preferenza
     A quel opera, parto d’una testa
     33Piena d’erudizion e de gran scienza,2
Dove sconta ghe xe soto la vesta
     D’un finto zelo e d’un publico ben,
     36Un’insidia e una fraude manifesta;
E mi de trato in trato drento in sen
     Co la più rigorosa anotomìa
     39Ghe descoverzirò tuto el velen.
Dopo perchè con ordine ghe sia
     Provà da la Scritura quel che ò dito!
     42Aciò no sia convinto de busìa,

[p. 82 modifica]

Le sentirà quel che xe stà prescrito
     De voler tra le altre dal Supremo
     45Mazor Consegio; e le averà l’Edito
Del Senato, sul qual nu doveremo
     Farghe i so’ gran riflessi e ’l so comento;
     48Perchè cussì el mistero intenderemo
De quel Decreto del mile siecento
     E cinque, confermà dal Serenissimo
     51Mazor Consegio, apunto nel momento
A la Rason de Stato fatalissimo.
     Che colta l’ocasion pel gran rilasso
     54Nel qual vivemo in questo corotissimo
Secolo, pervenudi semo al passo
     De trascurar el Publico e ’l Privato,
     57Perchè pur tropo incorsi nel trapasso
De far crolar le Massime de Stato
     Da quel perno nel qual tuta s’agira
     60L’inocenza e l’onor del Prencipato.3
Mi qua no vogio adesso tor de mira
     El sentimento oposto intieramente
     63Che a sta Lege se ghe strassina e tira;
Nè vogio dir come diametralmente
     Sia oposti i so’ Decreti su sto ponto
     66A l’intenzion de la publica Mente;
No vòi l’imputazion d’averghe sconto

[p. 83 modifica]

     (Cossa che la sarìa poco plausibile)
     69Un sol termine; opur d’averghe azonto.
Sta Parte la xe tropo inteligibile
     Perchè a ele no gh’abia da riussir
     72Sta tal Regolazion assae sensibile.
A Parte leta, aspeto de smentir
     Chi sostien, che la vogia dir cussì
     75Come i ghe l’à ben fato comparir;
In quel senso mi intendo, che in quel dì
     Con vero detestabile artifizio
     78Tramà e promosso (no vòi dir da chi)
À fato che ’l Senato a precipizio
     Formi su varj Capi senza esame,
     81Mandadi tuti a mazzo, un sol giudizio.
Come el ponto d’arazzo in seda e stame
     El ne presenta a l’ochio dal so dreto
     84Omeni, fiori, fruti, erbe e bestiame,
E cose altre diverse in vago aspeto,
     Che dal roverso le ne sol parer
     87Tute deformità, tute difeto,
Cussì in sta Lege le ghe pol veder,
     Che nel so’ senso, co la sia spiegada,
     90Gh’è equità, previdenza, e gh’è saver;
Ma quando che la vegna adulterada,
     Come in fati la vien da sti Decreti...
     93Ma perchè megio le se persuada
     Andèmo a la letura. Le se aquieti.



Note a cura de Bartolommeo Gamba
  1. Qui s’intende l’ordine da tenersi nel legger le carte, cioè I. Le Scritture Franceschi, 2 La Parte del Maggior Consiglio 1333, 3 l’altra 1536, e il Decreto del Senato 1605, finalmente la Parte del Maggior Consiglio 1767.
  2. Le Scritture Franceschi.
  3. Per il perno della Massima o Ragion di Stato s’intenda la Religione.