Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 10.djvu/72

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


     St’opera cussì granda e sì famosa,
     63E de vu dirò ben quel che convien.
Mi sarò quel che ghe farò la glosa
     Aciò la gran fadiga che avè fato
     66La se tramandi ai posteri gloriosa!
E de vu do’ mi farò quel ritrato
     Che messo in la so’ vera prospetiva
     69Ognun resterà pago e sodisfato;
Che cercarò un’immagine sì viva
     De la semplicità più natural
     72Che de vu do’ la sia la più espressiva;
In soma incontrarò l’Original
     De sti do’ gran Ministri sì valenti
     75Che à savudo scoprir un capital
Richissimo de Chiese e de Conventi
     Per compier l’esterminio e la rovina
     78De la Cità e del Stato, e trar proventi
Con arte maliziosa e soprafina,
     Per saziar cussì el lusso, e ancora el vizio
     81De la famegia, e de la Concubina
Che se mantien a spese del so Ofizio,
     E col privato e col publico dano,
     84E de la Religion col pregiudizio.
Eh le me scusi, se qua mi m’afano
     Più del solito a vista de la sola
     87Vergognosa ragion del nostro ingano.
Mi no go impedimento ne la gola,
     Che la strada dal cuor sin a la boca