Sonetto finale di Pantalone tutore

Da Wikisource
Va a: navigasion, serca

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Sonetto finale di Pantalone tutore
1752
Edission e fonte ▼
Da la comedia Il tutore, soneto finale (presente ne l'edizion Bettinelli)

Mi tutor no son stà de quella razza
Che scortega e tradisce i so pupili;
Che a forza de pretesti e de cavili
4In tel sangue innocente i se sbabazza.

Oh quanti ghe ne xe che magna e sguazza,
In materia d'onor poco sutili:
Ma al strenzer de le strope, oh quanti stili!
8No i sa quel che i se diga o che i se fazza.

Manizar bezzi el xe un mistier che piase,
Ma la roba dei altri scota e brusa,
11E mai col cuor no la se gode in pase.

Tutori, no stè a far quel che se usa:
Perché se adesso la conscienza tase,
14Un dì no gh'averè tempo, nè scusa.