Sonetto del Paronzin

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Sonetto del Paronzin
1745
Edission e fonte ▼
Soneto scrito e mandà, con letera del 13 agosto 1745, a l'ator Cesare d'Arbes par la so comedia el Paronzin. Varda la voce su Cesare d'Arbes in Notizie istoriche de' comici italiani che fiorirono intorno all'anno MDL fino a' giorni presenti de Francesco Bartoli (Google Books)

Finalmente anca mi son arrivà
A aver al fianco un tocco de muggier;
Contento son, e spero de goder
4Tutte le più compie felicità.

Ma sento alcuni che disendo va:
Quanto, quanto s'inganna el to pensier;
Quello del matrimonio l'è un piacer
8Che prestissimo passa, e se ne va.

Xe giusto la muggier come la rogna:
El gusto del grattar piase all'eccesso,
11Ma po resta el brusor e la vergogna.

Diga ognun quel che vol, mi son l'istesso;
Colle donne, lo so, soffrir bisogna,
14E qualcossa donar bisogna al sesso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Sonetto_del_Paronzin&oldid=56042"