Se ancuo mi chiapo el primo, me marido

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 67 modifica]
IX


Se ancuo mi chiapo el primo, me marido,
A la più longa, st'altra setimana:
Per sta sola rason mi alegro sfido
I mii coleghi tuti de cavana,
E tuti queli da paron, che cata
L'onor del barcariol ne la regata.


Se ancuo mi chiapo el primo. «Se vinco il primo premio, la prima bandiera.»

Cavana: (vedi nota al Canto II.)

E tuti queli da paron. Fa d'uopo sapere, che la classe de' gondolieri si divide in due gran rami. Una parte s'occupa nel servigio di famiglie de' cittadini, o forestieri, e questi si dicono da paron, ovvero de casada: l'altra parte esercita il mestiere ai traghetti, e son gente sui juris, per valermi di frase legale.

Il nostro eroe sfida sì gli uni che gli altri, e vi fa sapere ch'egli è un di questi ultimi, con quelle parole, i mii coleghi de cavana; che è quanto dicesse, di traghetto.

Che cata: «che trovano.»

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Se_ancuo_mi_chiapo_el_primo,_me_marido&oldid=42787"