Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/265

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRO LA SFORTUNA DEI POETI.


SONETTO


Poeti, ve lagnè continnuamente,
    Che per quanto, che fè dei bei Soneti;
    Tanto e tanto sè sempre povereti,
    4Che per quelli gnessun mai ve dà gnente;

Gavè rason, a dirla; veramente
    L'è un mistier buzarà quel dei Poeti,
    No se magna che applausi; e do paneti
    8Per mille versi no ve dà la Zente.

Ma pezo ancora xe la sorte mia,
    Che, se me metto a far qualche Sonetto
    11Per divertir la nobil compagnìa;

Nò solo i me dà gnente, povereto,
    Ma quel, che stimo, che desoravìa
    14I me và beccolando el mio sacchetto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/265&oldid=60555"