Navigatio Sancti Brendani/38

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
XXXVIII
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  XXXVII Edission e fonte ▼ XXXIX  →
Hic fratres descenderunt de nave et invenerunt terram promissionis sanctorum paradisi delitiarum

Et abiando eli conplido lo salmo, eli desmontà de nave, et elo vete quela tera nobele e plu preziosa de tute le altre per la soa beleza e de quele cose che 'nde iera e de erbe oliose e de pradi e de flori e de fruti. E (li albori) iera luti cargadi de osieleti beli da veder per le so bele pene e piume e per le so dolze bósie et alte e clare, cantando tanto ben e tanto dolzementre e soavementre e per rasion, che mai non se poria dir con la boca e con cuor inpensar e con pena scriver; e questi osieli andava volando de ramo in ramo e de alboro in alboro molto plasevelemente; onde per li canti de li osieli e per le erbe verde e li so' flori de li albori sì pareva che fose tenpo de primavera, e li fruti maduri de la via e de le pome e de le pere sì pareva che fose lo tenpo de zugno. E andando li frari per quele rive, trovà tuta la tera vergada e vara de diversi colori e a ovre bele, como s'ele fose destesi tapedi o porpore con oro e senza oro molto a diverse ovre e de gropi e de foie e de scachi e de albori e de osieli e de altre bele cose fase in drapi e in porpore et in penture a li muri de le gliesie e de li palazi e in le sale e in le camere e per gran divisamento per aver dileto al cuor e gran [................] foia sì aveva da uno ladi lo sol e tal che aveva la luna; sì ne viti pome ingranade molto grose e lo so granelo iera groso como nosie; sì ne viti tege de fava longe uno brazo e lo favo groso como nosie; sì viti zieriesie grose como persegi e como pome comunal; sì viti ruose grande como taieri e nespole grande como pome; sì viti cane berganege longe lx piè e grose como albori de nave; sì viti mandragole grande como omeni comunal; sì viti ganbari grandi como omeni; sì viti animali molti stranii da veder e de diverse figure, et altre da do piè et altre da tre et altre da quatro, in per infina xii piè, altri aveva uno cavo et altri do et altri tre e cusì in per infìna xii; de questi, altri aveva man, altri ale, e altri con pene e altri con sede, altri con pelo, altri con scorzo duro; e de questi, altri aveva corne forzelade, altre cresta, altre barba; altre uno ochio, altre do, altre tre infina xii ochi; e de queste, altre cantava e altre balava, altre andava, altre saltava e altre coreva.

S'iera canpi lavoradi e volti como eli fose da semenar; e altri s'iera semenadi e zià iera nasudo in erba le cose; e altri iera pleni de banbasio e altri aveva zafaran e altri garofali e altri melegete e altri risi e altre cose molto stranie da veder e da oldir.

Sì viti molte fontane de diversi colori le qual gitava flumi, e queli flumi gitava molti rami e viti ch'eli menava piere preziose e molte clare e de ogna fata colori.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/38&oldid=42520"