Navigatio Sancti Brendani/39

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
XXXIX
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  XXXVIII Edission e fonte ▼ XL  →
Hic fratres invenerunt duos prophetas Enoc et Eliam qui locuti sunt eis in paradiso delitiarum

Sì troviè Enoe et Elia et asè altri santi che andava de qua e de là, solazandose e rasionando in conpagnia et a doi et a tre in diversi luogi, e questi s'iera molto beli da veder e ben vestidi, e pareva che tuti ne vardava e niente ne diseva se no Enoe ed Elia, li qual s'iera mal vestidi e pareva eser vestidi de sachi molto vetrani e iera de brigada. E questi vene da mi molto aliegramentre e fene belo rezeto e domandàne de novele, e nu' li disesemo asè cose e como nu' ieremo partidi da casa e che cose n'iera parse de ben e de mal in tuto lo viazo.

E lo abado Brandan li domandà ch'ili iera e che zente iera questa che pareva eser in questo luogo. Et eli me respose cusì: "Nu' semo do profeti, questo si è Alia e mi son Anoe. Stagando in una plaza, avanti che fose lo diluvio, sì predicava a lo puobolo e diseva de la fin de lo mondo e como Dio aveva comandado a Noè ch'elo fese l'arca per poder scanpar a l'aqua e lu' e tuti queli de so fameia. Et altre bone cose li diseva asè et avevali dito queste cose molte fiade. Et elo stivelà lo tenpo e vene arquanti flantisi e toni. E como io feva fin a le parole, cusì vestido de sachi como vui me vedé, elo ferì lo ton fortisimamente sovra lo mio cavo. In quela io fu' piado in brazo e no sapi da chi e fu' duto in questo luogo e fome dito: 'Sta' qua infina che vignerà Anzicristo, lo qual voiando tuta la fe' de Cristo vastar con parole e con miracoli e per aver ch'elo donerà e per tormenti ch'elo farà far, Dio te manderà indriedo in quele parte, e con lu' e davanti da lu' e da driedo lu' livrerè de dir le to parole e conbaterà con lu' arditamentre e seguramentre e vasterà tuto lo so dito e renderà testemonianza de Dio, recordando lo Veio Testamento'".

E quando elo ave dito cose asè, elo tasiete et Elia dise: "Io son quelo gran profeta de lo qual se dise ne la Bibia che dise asè cose, e fo' dapuò che lo mondo fo renovado, siando pasado zià longo tenpo lo diluvio. E como io predicava una fiada in plen puovolo, el vene da zielo uno gran flantiso e uno ton e ferì sovra de mi, e sì fo' portado via molto viazamentre in quelo nobele luogo e fome comandado ch'io no me parta de qua infin tanto che Dio manderà per mi in tenpo de la falsa predicazion lo fiol de la perdizion, che vien dito eser lo dragon de Babilonia, zoè Anticristo, lo qual die zudegar lo mondo a si per asè muodi. E de lu' à parlado molti profeti e san Zane vangelista ê lo Apocalixi, che fo una vision che li aparete, siando strangusiado a la zena de lo Signor per lo gran dolor ch'elo aveva quando elo aldì che Iuda lo doveva atradir. Onde nu' do semo stadi qua dapuò e staremo vivi e sani infina quelo tenpo con questi nostri drapi. E dapuò non avemo manzado nì beudo nì dormido nì avemo abudo note nì alguna infermitade nì cosa che ne sia stada de desp(l)aser; e questo si è per la volontade de Dio e per vertude de queste preziose cose. Mo se nu' manzasemo e bevesemo, elo no besogneria dormir, le qual cose è brute, et in questo luogo non può eser alguna bruta cosa nì ria se no tute bone cose e monde. E senpre è dì, como vui vedé, e (lo tenpo) è molto tenperado, zoè la primavera, e mè no recresie a star qua, tanto n'è plasevele star e bon per lo êro puro e per le piere preziose e per le bone erbe oliose e per li flori e per li dolzi cantari de li osieli, che mè no cala, como vui aldì, e cotal seremo lo dì che nu' se partiremo de qua, como in quelo dì che nu' 'nde fosemo zonti, nì non seremo plu vechi nì plu fleveli nì plu mati, nì non perderemo pur un cavelo de cavo nì uno pelo da doso; nì avemo briga de dispuiar nì de vestir nì inpensier de alguna cosa se no che nu' se solazemo de qua e de là, vegando queste grande meraveie che Dio à fato. E da che nu' 'nde fosemo, asè è de qua vegnudi e 'nd'è stadi tanto quanto Dio à voiudo, onde vui dové star xl dì e non plu. Andé e vegnì o' che ve plase".

Et andando nui de qua e de là, nu' trovasemo do bele vale et altri luogi molti preziosi, e per le vie e per le strade e per li canpi nu' trovavemo plu spese le piere preziose e li monti de cuogoli d'oro e d'argento e lazuro fin per sablon plu che no è per entro li nostri cuogoli sablon, e plu lazuro che no è de nu' polvere de tera nì sablon. E lo procurador ne menà quasio per tuto. E nu' voiando andar per veder l'alboro onde Adamo tolse lo pomo, ch'elo è legno de sienzia bona et è lo alboro de vita, e cusì de altre cose, et elo ne dise queste cose s'iera oltra lo flume corente plu claro de cristalo e molte altre gran cose plu de tute quele che nu' avemo trovade e vezude; e a Dio non plase che nu' vedesemo de quele.

Onde li frari con tuti nu' fosemo sì consoladi et aliegri e confortadi, ch'eli non aveva fame nì sede nì sono nì alguna cosa che li fose de desplaser. Vero è che uno so gran dileto per voler provar che iera eli, et eli beveva a la fiada de l'aqua de quele bele fontane le qual eli trovava, mo no per sede ch'eli avese: e quela aqua ch'eli beveva tosto se revertiva in sudor e non la spanse per altra via; e sì tocava de quele cotal erbe e de tal ne toleva in man per deleto e de le foie e de li albori.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/39&oldid=42521"