Navigatio Sancti Brendani/28

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
XXVIII
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  XXVII Edission e fonte ▼ XXIX  →
Hic invenerunt (speluncam) sancti Pauli in insula parva

Et in lo terzo dì navegando, elo li aparse una isola piziola inver mezodì e ierali da lutan; e sì tosto como li frari l'ave vezuda, eli comenzà forte a navegar verso de quela. E como eli aprosimà a la isola, san Brandan li dise così: "O frari mie', non ve voié così forte fadigar nì le vostre menbre stancar, perché asè se' fadigadi da che nui fosemo fuora del nostro monestier. Io ve fazo asaver ch'elo è mo' sete ani conplidi a questa Pasqua, che mo' vien, che nu' se partisemo fuora de lo monestier per casion de andar in tera de veritade e de promision de li santi; tosto nu' vegniremo a conplimento de l'intendimento nostro e puo' torneremo a casa sani e salvi. Ancora troverì e vederì san Polo eremita, servo de Dio et omo de penetenzia spiritual; e si è in questa isola stado ben lxx ani per far penetenzia e no à manzado alguna cosa de zibo za se fase xl ani, nì abudo alguna vestimenta indoso. E in li primi xxx ani lo fu pasudo meraveiosamente da uno pesie de mar lo qual li mandava Dio ogno terzo dì".

E aprosimando eli a lo lido de questa isola, la riva iera sì alta, che per quela casion eli non podeva prender porto, e questa isola iera de una montagna molto redonda e alta zerca pasa cc (e) in la zima de sovra non iera erba nì alboro nì alguna altra cosa se no una piera molto granda e ben polida e tuta quara da ogna parte e s'iera tanto longa como larga e olta; e tanto andà intorno navegando, ch'eli trovà uno porto molto streto e iera sì serado che apena la nave 'de pote intrar con la proda. La montagna s'iera molto pericolosa da andar su lo monte, e vagando questo san Brandan, elo li dise così a li suo' frari: "Spetéme qua e non ve partì defin ch'io non torno e a vui no è lizita cosa a vegnir 'de nì trovar quelo che 'nde sta senza so parola, sapiando ch'elo ne sta uno servo de Dio per far una soa penetenzia, e quelo san Polo ch'io ve disi, da ch'elo ne fo, mè no fo vesitado da omo se no mo'. E s'elo se porà far, vui lo vederé con mi".

E così elo se mese andar su lo monte e li frari romase in nave. E siando questo san Brandan andado su lo monte de questa isola, elo vardà in qua e in là: elo vete do spelonche, zoè abitacoli soto tera, e ierali da pruovo e l'un avea la so porta inver levante e l'oltra inver ponente; e davanti la spelonca de ver levante s'iera una fontana molto bela e redonda e insiva l'aqua fuora de la viva piera e iera a pruov' a la intrada de la spelonca o' stava lo santo servo de Dio, e lo rielo per spazio de uno brazo sì entrava in la piera ch'(i)era tuta sfloregada de picoli busi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/28&oldid=42506"