Navigatio Sancti Brendani/29

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
XXIX
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  XXVIII Edission e fonte ▼ XXX  →
De modo et forma fontis, qui erat ante ostium spelunce sancti Pauli heremite

In la forma iera un puoco cavada in lo fondi e s'iera molto bele piere preziose xii e l'una piera no iera de tal color como l'altra e ierane xii figure molto stranie, sì como de cristalo clarisimo, e iera intorno le sponde e no su lo fondi e semeiava a li xii segni de lo zielo e de la tera, et in zerte parte d'ese s'iera arquante stele d'oro plu claro de cristalo e l'una iera mazor de l'altra e plu bela; e in mezo de l'aqua s'iera una pela de tera e no se moveva e non se podeva muover e le xii figure senpre andava intorno l'aqua de la fontana e sonava uno molto soave son per lo so movimento.

E sì tosto como san Brandan fo suso e a pruovo la porta de la spelonca de ver levante, elo insì fuora uno vetran e dise questo verso, andandoli incontra: Ecce quam bonum et quam iocundum habitare fratres in unum. E como elo ave cusì dito, san Brandan intese lo dito de lo servo de Dio e tornà zoso e comandà a li frari ch'eli vegnise su lo monte et eli porà veder cose stranie (e molto meraveiose). E siando eli zonti su lo monte là da lo servo de Dio, eli se de' pasie a un a un devotamente, e lo servo de Dio li de' pasie molto benignamente ad un ad un digando: "Ben vigné". E menzonàli tuti per nome e per sovranome et eli, oldando queste parole e vegando eser così peloso de caveli e de barba e de peli blanchi e de peli longi, eli s'à fato gran meraveia, inperché elo iera molto strania cosa da veder, a casion che questa soa vestimenta de barba e de caveli e de peli sì li andava per tera. Tuti li suo' caveli e la barba e li suo' peli iera blanchi como neve e andava per tera per la soa longeza e non li pareva se no li ochi e la boca e lo naso e le ongle de la man, e no avea oltra vestimenta indoso se no li suo' peli de le carne, como à le piegore e iera molte vechi.

E vegando queste cose, san Brandan comenzà cazé' in pensier et eser molto gramo in cuor so, e diseva planamente enfra de si: "A voi a mi, dolente, ch'io porto indoso bon abito de munego, lo qual me cuovre la carne e tieme colda la persona, e soto mi e lo mio comandamento sta molti omeni soto l'ordene mio e de lo mio abito; e, como à plasudo a Dio, in questo mio stado, io me credeva far penetenzia per plaser a Dio. E mo' io è trovado qua uno servo de Dio, lo qual è omo como li altri et è in altro stado de ziò che iera li altri e per stanzia de luogo e de abito de vestimente. Avegna ch'elo sia così vieglio, per molti ani è stado in questa piera, nì manzà pan nì manzà vin nì cusinato da fuogo; et elo è ancora belo e fresco e sta san de lo corpo e mondo in anema de li vizii e de li pecadi". Et elo rasionando in si queste cose e de le altre, lo servo de Dio sì li parla e dise: "O servo santo e degno de reverenzia, tu pò molto eser aliegro e consolado con Dio, vegando e cognosando e recordandote de tante cose stranie e tanti miracoli quanti Dio te à mostradi in questo to viazo; e ben te à Dio tal cose mostrade e lasade veder, ch'elo non lo volse mai far ad algun de li altri santi; e ti (di') in cuor to che tu no è' degno de portar abito de munego e no te cognosi ben eser amigo de Dio, nì te conpudi de far ben plasevele vita a Dio; e questo fase la to umilitade e bontade. Sepi che tu è' verasio munego e bon e plu ca munego, inperché la mazor parte de li munegi no lavora, mo ti lavori molti lavorieri, ché tu duri fadiga tuto lo dì con le mane navegando e con lo cuor e con la lengua orando e far far ad altri le someiante cose; e à' pensier de mantegnir li tuo' conpagni in bon stado de salvazion. Mo' no te cognoses-tu che tu è' andado sete ani conplidi alò per lo mar, mo' in qua mo' in là, sostignando de gran paure e de gran tribolazion, e à'-te pasado infina a lo dì d'ancuò con tuti li tuo' frari e à'-te conservado indoso le vestimente? Onde la toa vita si è bona et utele e santa e zusta. E io, misero me, ston qua sì como una osiela, su questa piera, como fase l'aguia, e sì son nuo e non è cosa che me cuovra le carne se no li mie' caveli e li mie' peli de la barba e de lo doso: io sè ch'elo è una paura a vederme".

E in quela fiada san Brandan umelemente el domandà como elo aveva nome e de qual abito de frari elo iera stado e onde elo iera e quanto tenpo iera ch'elo iera stado luogo a far questa penetenzia. Et elo sì li respose in questo muodo: "Lo mio nome si è Paulo et io sì fu' norigado fin da fantolin de tre ani in lo monestier de lo abado Patrizio, lo qual fo santo omo. In quelo monestier io stiti ani l e fome dado per ofizio a vardar lo zimituorio e lo inclosto dentro da li frari, como eli moriva e aidàvali a sopelir. El vene uno dì, como io stava in quelo luogo e diseva mie orazion, elo me vene sovra lo mio degan e diseme che uno de li frar iera morto e diseme ch'elo se voleva far la sepoltura per sotorarlo e mostràme lo luogo o' che io doveva cavar la doman. E come vene da sera, elo me parete uno vetran ch'io non cognoseva e parlàme digandome così: 'O frar mio, anch'elo te sia comandado dal degan che tu fazi doman una fosa per sotorar uno morto, sì (no) la fa, inperché che quelo luogo è d'altri, anche ti non lo sapi'. E io lo vardiè e no lo cognoseva chi lo fose, e disili così: 'O pare, chi es-tu?'. Et elo me dise: 'Che è zo che tu non me cognosi? Mo no son io Patrizio lo to abado?'. 'E' ben lo cognoso, e s'io lo vedese ben lo cognoseria'. Et elo me dise così: 'Sapi, Polo, ch'io son Patrizio lo to abado, avegna che ti no me cognosi'. E io li disi: 'Como se' vui Patrizio, che voi non lo somié?'. Et elo dise: 'Sapi ch'io son Patrizio e ti no me cognosi ch'io son morto e non vivo, e ieri pasiè de questa vita e non son plu in lo siegolo. E bon sta e trova in l'altra vita, sì ch'io me ne clamo ben contento. Mo elo la sa ben tuti li altri frari et Albeo die eser abado e serà bon omo e de santa vita e amigo de Dio'. E puo' me dise: 'Quelo (luogo) ch'è signado da lo dagan to per far la sepoltura si è mio e de lo mio corpo et altri lo die far e non ti; e questo ch'io te digo no lo dir ad altri. E fazote asaver ch'elo non plase a Dio che tu sti plu in questo luogo nì a quest'ofizio, mo doman da (matina) farà cusì: como lo maitin serà dito, in lo nome de Dio doman per tenpo va'-tene a lo lido de lo mar e là tu troverà una navesela con tuti li suo' apariamenti e ti entrerà entro in lo nome de Dio e laseràte andar o' che Dio vorà. Et ela te condurà in puochi dì per la vertude de Dio in quelo luogo o' che tu die' far una durà e aspra penetenzia; e là die' morir, quando Dio vorà. E quelo luogo si è molto solitario e stranio da veder e si è a pruovo lo Paradiso Teresto e molte cose de lo Paradiso Teresto tu vederà che te serà de gran consolazion in toa vita. Sta' seguramente, che tu die' aver consolazion e salvazion; et elo te sé za aprestado uno molto belo luogo lo qual tu serà metudo in l'oltra vita'. E come elo me ave cusì dito, io no lo viti plu nì no me acorsi como elo se partì nì in qual parte elo andase; onde io stiti così tuto pensoroso quela note. E la doman per tenpo segondo lo dito de questo santo omo io fisi, e no fu prego e sì andiè a lo lido de lo mar e troviè una navesela molto piziola con li suo' remi e con le suo forche, e così in nome del Pare e del Fio e del Spirito Santo io intriè dentro e sentième zoso in mezo e segondo lo santo pare me avea dito io fisi; e la navesela se partì de lo porto. E tulsi uno remo in man e comenziè a vogar inver quela parte o' che stava volta la proda, zo fo inver levante. Ed ela me portà per uno mar molto verde, puo' lo troviè molto roso e puo' molto claro plu de cristalo, e stì 'ndi tre dì in mezo de quelo mar cusì claro. Io sì troviè una alta montagna molta redonda e alta inver lo zielo ben la otava parte de uno miaro, zoè questo luogo o' che io son, e la navesela se trase in una picola e streta intrada e pareva eser molto pericolosa d'andar. E io vegando questo fato, insì fuora e comandiè-me a Dio e puo' diè de lo pè a la navesela et ela se partì da riva e tornà indriedo inver quela parte donde ela iera vegnuda, e pareva andar molto tosto. Io stiti sete dì a cercar tuta questa isola, e quando lo setimo dì io vini su questa zima e io troviè questa gran zima e questa piera quara; e vegando queste do spelonche de ver levante e questa bela fontana, io volsi intrar in questa spelonca de ver levante: e qua me son stado dapuò dal primo dì infina mo'. E in lo primo dì ch'io ne intriè, sì me stiti infina nona; e abiando fame io insì fuora e vardième de torno, e viti da lonzi vegnir una piziola navesela, la qual non calà de corer si(n) fo-la a la riva e là se ferma, e no 'nde iera dentro alguna persona, mo sì 'nde pareva entro una bestia. Onde io andiè zoso e troviè ch'elo iera uno pesie, onde ch'elo iera molto grando e aveva iiii piè e stava dreto in li do piè de driedo, e in boca aveva una piera e uno (az)alin da bater fuogo, e in li piè de driedo iera uno fasio de legne seche e gramegna per esca da fuogo. E io, vegando questo, comenziè a pensar ziò ch'elo voleva significar, e stando in questo pensier, lo pesie insì fuora belo e vivo e mésese ad andar su per la riva. E como elo fo davanti da la porta da la mia spelonca, elo gità le cose zoso e, scasegandose a muodo de pesie con lo cavo e con la coda, et elo morì. E io inpensiè che Dio me avea mandado questa cosa e parevame ch'io doveva bater fuogo e inpiarlo e cuoser questo pesie e manzar a mia voia; onde io batì fuogo in la gramegna e aprìsilo e rostì de lo pesie e fi 'nde tre moreli; e puo' io manziè l'un e fo lo cavo, lo qual fo molto bon da manzar, e puo' bevì de l'aqua, mo no de la fontana, e così zuniè quelo dì. E in l'oltro dì a nona sì manziè un oltro morelo e in lo terzo dì la coda. Quando vene lo quarto dì, a l'ora de nona io viti da lonzi per lo mar vegnir corando quela picola navesela e iera entro uno cusì fato pesie con cotal cose como iera l'altro; e io vegando che questa mandata Dio me la mandava, e io sì andiè e tolsi questa cosa e sì me la cosi, e fi questo como io fi de l'altro e tini quelo insteso muodo. E in questo muodo Dio me pasiè trenta ani e altra cosa non manziè, e in queli trenta ani e' non avi mai sede se no de domenega, e perziò io no beveva. E la domenega, in l'ora de terza, io vedeva una copa de cristalo a la fontana plena d'aqua la qual ne intrava planamente; e a puoco a puoco sì ne insiva dentro la piera quara e no 'nde insiva plu tuta la setemana se no quela. E in quelo dì, siando pasado li xxx ani, Dio me mandà zibo, onde de quelo no ve digo mo' altro".

Et abiando dite queste parole, elo li de' conbiado, digandoli: "S'elo ve plase cercar questa isola, sì lo podé far; se no brigé de partir, ché vui avé a far vostri viazi. E tosto conpliré i vostri desiderii e per quelo vui se' fuora de lo monestier vostro. Or io sì è a dir le mie ore e far le mie orazion. Dio sia con vui".

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/29&oldid=42507"