Navigatio Sancti Brendani/27

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
XXVII
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  XXVI Edission e fonte ▼ XXVIII  →
Qua aparse suso una piera Iuda in mar

E siando pasado li sete dì, andando eli vete da lonzi eser in mar una forma piziola, sì como de uno omo che pareva sentar suso una piera in mar e aveva davanti da si uno velo molto lutan a la mesura de una sartia de nave e iera apicado entro do forche de fero e non stava de scasegar per lo vento, e cusì questo omo pareva eser conbatudo da le onde de lo mar, sì como suol far le nave da le onde, quando ela è in pericolo de perir per lo conbatimento de le onde. Et eli andando ananti, e de li frari che iera in nave (altri) diseva ch'elo non iera omo, anzi iera osiela, altri pensava questa cosa fose una navesela. E lo abado, oldando questi frari così dir, sì li respose e dise: "Frari mie', lasé star queste vostre rasion e non conté ziò che vui avé comenzado, mo drezé la nave vostra e andé a quelo luogo lo qual vui vedé e saveremo che cosa ela è".

E como eli fo da pruovo, eli vete ch'el iera uno omo nudo e molto peloso e desformado da li altri, lo qual sedeva suso una gran piera, e le onde de l'aqua de lo mar li bateva d'intorno malamente da ogna parte, zioè dal cavo a li piè, e così lo covriva tuto spese fiade; e quando le onde tornava indriedo, elo pareva quasio tuta la piera nuda su la qual sedeva questo cativelo desventurado. E lo pano che l'iera dananti e ben lonzi da lui molto apicado e spese fiade se menava a muodo de uno confalon per lo vento che lo scasegava, e ben spese fiade dava a li frari per li ochi e per lo fronte. E como eli ave ben vezudo questa cosa, eli se fe gran meraveia, e in quela fiada san Brandan comenzà a parlar e dise così: "Io te domando chi tu è', e per che casion tu è' qua e sta' cusì, e par che tu fazi qua una gran penetenzia, e che merito dies-tu aver de questo, e se tu è' vivo o se tu è' morto e quanto tu die' star cusì".

Et elo li respose in questo muodo: "Io son morto e non son vivo; io son Iuda Scarioto, lo qual alzisi mio pare con una piera et avi mia mare per muier, mo non lo saveva, e zasì conn-esa longo tenpo e avi de lie molti fioli, e sì fu' grando marcadante e falsava tute le marcadanzie ch'io podeva, da ch'ele iera in mia balia, e tosorava li deneri grosi e dava a usura dinari, drapo e biave, e fu' gran laron; e puo' fu' apostolo de Iesù Cristo, et elo me fe spendedor de la conpagnia e corezedor de ogna cosa che li vegniva donado. E per poder mantegnir li mie' fenti ch'io aveva in altra parta, elo me de' balia de tuor tuta la desima de ogna cosa e ch'io la mandase a li mie' fenti; e io cusì feva. Perché Maria Madalena spese tanto in onguento in lo corpo de Cristo, onzandoli lo cavo e li piè una sera in casa de Simon levroso, ela aduse uno onguento che li aveva costado trisento denari d'arzento, e cusì li aveva costado a la stazon. E io me coreziè malamente per lo diesimo che me vegniva, io non lo puti aver; pensiè de regovrar questo diesimo e così me vene in cuor de falsar la conpagnia e de tradir lo mio signor e darlo per xxx dinari, e così fi e regovriè da lui lo diesemo ch'io aveva perdudo. E non inpensiè suso ch'io fisi rio inpensier, mo io non criti che le cose dovese andar sì malamente e ben criti che alguna cosa de mal non fose, mo fime questo inpensier: elo saverà a ben scanpar per la soa gran sapienzia e per la soa vertude ch'elo à in lui. E questo inpensier me inganà, onde quando io viti per zerto che Iesù Cristo iera del tuto condenado da Pilato e ch'elo doveva eser pur morto, io fu' tropo dolentre e tristo de ziò ch'io aveva fato de lu', e per quela casion io rendì tuti i deneri indriedo e crezando ch'eli l'avese lasado, e clamième forte in colpa, oldando tuti. Io vegando che questo non me podeva zovar, sì como desperado per grameza e per dolor, conpriè una soga e apichème a uno alboro, como se apica li laroni e là io morì. E siando morto, io fu' meso adeso a star così como vui vedé star". E puo' dise: "Questo ch'io è, io non lo è miga per mio merito, mo per spizial grazia che Dio me à fata sì como li à plasudo; nì non m'è luogo de penetenzia che tropo me vaia, mo si è uno luogo de perdonanza e de alguna aparenzia de refrizierio, la qual me vien fata a l'onor de Dio ogna domenega. Et ancuò è domenega e perziò me avé vu' posudo trovar qua. Ed ème 'viso in veritade che quando io son su questa piera ch'io sia in Paradiso e plu me rende consolazion che poria far tuti li deleti de lo mondo metandoli tuti ad un, como ben manzar, zugar, balar, cantar e ben ber, con bele done star a soa voia, trovà' tesoro soto tera et eser levado (da) uno gran signor in alguna degnitade. E tuto questo si è per la gran paura ch'io è de le crudel pene e de li forti tormenti ch'io è e ch'io porto e ch'io spiero aver in questa note che vien, e puo' tuta fiada fina una altra domenega et ogne altre feste prinzipal de Dio e de la so dolze mare. E per lo so amor elo fa molte grazie et asè, zoè a li vivi e a li morti. Onde sapié ch'io ston qua ogna domenega e ogno Nadal defina la festa de la Pefania, e in lo dì de la Santa Pasqua fina lo conplimento de lo dì de Pentecoste, e in le quatro feste de santa Maria, la qual è fontana de misericordia e plena de grazie: zoè lo dì de la so nativitade e de la so anoziazion e de la soa purificazion e de la soa asension, et in lo dì de Ogni Santi. E anche sia in questa figura che vui me vedé, no parando ch'io abia alguna altra pena, io ardo tuto e son tal co' lo fero roente in la fornasia e sì como una masa de plonbo la qual è descolada in una ola, e quando io son tolto de qua, io ston de dì e de note in mezo de quelo monte altisimo lo qual vui vedé da lonzi. E sapié che in quelo monte si è Lavita(n) con li suo' cavalieri, e tuti sta in pene diverse; e io s'iera in quelo luogo, quando fo inglotido lo vostro frar che vene con vui e insì de nave cusì matamente. E perch'elo zonse a lo Inferno e lo Inferno mostrà segno d'alegreza, onde lo fuogo fo mazor e insìne cotal flama e fumo e puza; e così fase ogna fiada, quando elo 'nde azonze le aneme de li pecatori e lo dragon le devora. Or ve ò dito com'io ston e per che casion e' die 'nde star fin lo dì del Zudisio e como io son malamente cruziado in lo profondo de l'Inferno con lo re Rodes e Pilato, Ana, Caifas, li qual patizià con mi e feme far lo pagamento per lo tradimento ch'io fisi de lo corpo de Cristo nostro signor. E perch'io sè che vui se' amigo de Dio, sì ve sconzuro per la so parte, lo qual è signor de onor e rendetor de lo mondo, che digné lu' pregar per mi a ziò ch'io sia lasado qua infina doman, che li demonii non me posa far mal nì menar via a quela ria ereditade, la qual io conpriè per mal priesio".

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/27&oldid=42504"