Navigatio Sancti Brendani/26

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
XXVI
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  XXV Edission e fonte ▼ XXVII  →
Qua aparete una isola bruta che sé Inferno

E siando andadi con lo vento in parte de 'Quilon, eli vete una isola che l'iera da pruovo, la qual iera tuta plena de sasi grandi e de piere, e quela molto soza da veder, e no 'nde iera erba nì albori in nesuna parte e iera plena de fusine de favri e de rode e de agudi e de marteli e de ancuzine e de falze e de siege de fero e de verigole grande e de daladore de marangon. E apreso ziascuna fusina s'iera uno omo forte bruto da veder e stava a muodo de favro. E tuti questi favri bateva a le so fosine diverse cose e altri agudava, et a luogo a luogo s'iera fornasie e ardeva forte e iera molte grande; e vegando l'abado queste cose, le qual iera rie da vedere e spaurose, sì dise così a li so' frari: "O frari mie' carisimi, questo è rio luogo da star, e sì è conpasion de queste cose ch'io vego e perziò non voria andar quenze nì aprosimarse, se Dio ne volese dar grazia".

E abiando cusì dito, elo vene uno forte vento e mese la nave molto preso questa isola che iera una gram montagna a pruovo lo mar. E sì como Dio volse, la nave pasà con salvamento per uno dreto corso, e siando uno puoco pasado ananti, sì como s'iera uno trato de piera, eli oldì uno son de foli molto forte bufar a muodo de uno ton de zielo, e batimento de marteli su ancuzeni molto speso feva li colpi. E oldando questo lo santo abado se signà e armàse de l'arme de la crosie in quatro parte, digando cusì: "O signor Dio Iesù Cristo, scanpame da questa isola, s'elo te plase".

E abiando cusì dito, adeso vene uno omo de l'isola corando inver de nu', e iera vechio e aveva la barba molto longa e iera tuto negro e nudo e peloso como uno rizo e de gran fumo e puzava da solfere e da oio petroleo, e sì tosto che costu' à vezudi questi servi de Dio, elo tornà tosto indriedo e andà a la so fosina. E lo abado se signà ancora e comandàse a Dio, e puo' dise a li frari: "O fioli mie', levé su plu alta la vela e navegé plu forte e plu tosto che vui podé e scanpemo via da questa isola, ch'elo n'è mal star". E como elo ave cusì dito, de presente vene uno mal vechio da una barba su lo lido corando, e duseva in man do gran tenaie con una gran maza de fero, a muodo de una pela, de peso de livre l e gitava da torno de si setele de fuogo, como fa lo fero boiente trato fuora de la fosina. E como elo fo su la riva, elo la gità driedo li frari, mo sì como plasete a Dio ela non li nosè, mo sì li pasà da pruovo per lo spazio de uno mier de tera. E o' ch'ela caziè in mar, l'aqua comenzà a boir como uno lavezo plen de carne a fuogo. E abiando vezudo questo fato e li tantasi per lo fato de uno mier, eli vete tuti queli omeni de quela vila eser tal che mo' quelo barbaro corando a lo lido, e ziascun aveva in le tenaie una maza de fuogo, e insì 'nde fuora uno gran fumo e puzolenti, lo qual turbà l'aire malamente. E l'aqua sonava boir a muodo de uno gran lavezo e asè ne fo che se le gitava adoso l'un de l'altro e puo' tornava tuti indriedo a le so fosine e piava le maze e coreva a lo mar e gitàvalile driedo; onde che tuta l'aqua de lo mar in quela riviera ardeva. E puo' pareva che questa isola brusiase tuta e feva gran flama e fumo, e briga tre dì questo so brusiar; e andando via eli oldiva uno gran cridamento e urlamento de molta zente e al naso li vegniva una gran puza e lo abado confortava li suo' frari e diseva: "Conpagnoni, sté seguramente e non ve dubité, che le arme de Dio è plui forte ca quele del mondo, e fazove asaver che nui semo in le parte de lo Inferno e questa isola si è una de le so isole e avé vezudo alguna cosa de le so insegne, e perziò voio orar e vegliar e star in orazion, a ziò che nui non posemo temer queste male cose".

E como elo ave cusì dito, eli oldì una bósie che sonava dir molto dolorosamente: "O santo pare, lo qual è servo de Dio e amigo, ora per mi topin: sepi ch'io son perso a mal mio grado e a forza e a vui voria volentiera vegnir, mo io non poso, doloroso. Io son sventurado malamente, a voi a mi, che mai nasì in lo misero mondo, lo qual è plen de ingani e de tribulazion. O como io son 'treto da ogna parte e non so che me strenza nì con che cosa! Dolorosa la vita mia da qua innanti!". E li frari fo tuti in gran spavento, e clamà a si la soa misericordia de Dio e pregàlo ch'elo li faza grazia ch'eli non debia andar in luogo rio quando eli morirà. E vardando inver quela isola, eli vete questo omo nudo che vegniva menado a lo tormento e oldiva bósie che sonava dir: "Al fuogo, al fuogo". Altri diseva: "A l'aqua, a l'aqua". Altri diseva: "Pia, pia". E altri diseva: "Apica, apica". Altri diseva: "Liga, liga". Altri diseva: "Muora, muora tuti li nostri nemisi che sé servi de Dio!". E in quela fiada tuta l'aqua de lo mar se comenzà intorbar e a muover, e puo' se aprese e feva gran flama in molte parte e gran prone de fuogo ad alto e puo' cazeva zoso in mar; e la puza vegniva granda, sì como de solfere e de oio petralo. E per questo fumo e per la puza eli non saveva o' ch'eli doveva andar, e oldiva bósie che diseva: "Rosti, rosti, meti in fuogo, bati, bati, taia, taia, siega, siega, strenzi, strenzi!". E uno altro dì, andando via, lo li aparse uno gran monte inver ponente e iera in mar, e dentro quela parte de seterion sovravene subite nivole; e in quela pareva diverse cose, sì como grifoni, orsi, porzi, zervi, cavali, ganbeli e in la zima del monte pareva insir uno gran fumo.

E voiando scivar questo luogo, uno vento li mese pruovo tera e la nave ferì in tera fortemente; e la riva iera molto alta e de su lo monte descoreva uno flume de sangue vivo, e uno de li frari de li tre, che iera romaso con l'abado in conpagnia, volse insir de la nave, e insì 'nde prestamente e comenzà andar zoso infina lo fondi de la riva; e como elo fo zoso, elo fo preso ed elo comenzà forte a cridar e dise: "O santo pare, mal me partì da la toa conpagnia! Io son preso e non so da cui, inperch'io no è balia de tornar là da vui". E li frari comenzà a tuor via la nave e volevasi partir de lo porto e orava Dio digando cusì: "O misier, abi misericordia de nu' pecatori!". E lo abado pur vardava questo frar e vedeva ben ziò ch'elo faseva e vedeva quelo cativelo vegniva menado malamente da uno omo so conpagno de domonii a lo luogo de tormenti, e vete como elo fo inglotido da la boca de uno dragon che à viiii cavi, e puo' como elo lo cavava de soto, e puo' vegniva menado in uno luogo e là li vegniva apreso lo fuogo intorno. E in quela fiada dise lo abado: "O fiolo, a voi a ti, dolente! Perché nasies-tu? Par a mi che tu ebi remitado aver cotal luogo per le to ovre; a tal fin te vezio eser conduto!".

E como elo ave questo dito, elo vene uno vento forte e menà via la nave inver l'ostro; e como eli andava, eli vete da lonzi, vardando inver questa isola onde eli iera vegnudi, e lo monte così alto tuto descoverto e in la zima forte brusiava, e le flame andava molto alto inver l'aire de lo zielo e vene zioso cusì ardando in piziola ora e parea tuto una flama de fuogo. E vegando questo, lo abado con tuti li frari e' navegà forte inver mezodì per lo tenpo de dì sete, et eli non vete se no zielo ed aqua.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/26&oldid=42502"