Navigatio Sancti Brendani/08

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
VIII
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  VII Edission e fonte ▼ IX  →
Qua fe li frari la Zena Domino e trovà le piegore così grande

Et una fiada andando la nave in qua e in là, eli vete una isola da pruovo e comenzà andar inver de quela isola. E sì li vene uno bon vento per aiutorio, onde eli non navegà plui e la nave zonse tosto a lo porto. E siando in lo porto, l'abado comandà che tuti esia fuora e elo romase da driedo da tuti e cercando per tera questa isola, trovà molti flumi de aqua clara e pleni de diversi pesi e de fontane. E eli siando retornadi in un luogo, l'abado comandà che lo so 'fizio se diebia far là e cantar la mesa e far comunegar e consolazion de conpagnia, perch'ela iera la Zuoba Santa. E cusì fo fato e là zenà e si stete là fin Sabado Santo.

E andando per l'isola de qua e de là, eli trovà gran conpagnia de piegore blanche como banbasio e grande como buò che le covriva la tera. E san Brandan clamà li suo' frari e comandàli ch'eli toia seguramente de queste bestie per dover manzar e altre cose; onde eli tolse una piegora e non plui e abiandoli taiado la testa eli tolse uno agnelo per benedir, e sì fe d'eso quelo che 'nde fo da far, sì co' li parete lo meio.

E abiando tute cose ben aprestade per lo dì de la santa Pasqua che era la doman, ed elo li aparse uno omo che avea in man una gran sporta de pan, che iera coto soto la zenere, e altre cose da manzar; e elo la mese zose in tera davanti san Brandan e puo' se gità in tera devotamente tre fiade da li suo' piè, digando cusì devotamente: "O malgar(i)ta de Dio, como è quest'avegnudo a mi, non siando degno de (zo, che) cotal persona diebia eser aparudo in questi santi dì aver de lo mio pan, ch'i' ò fato con fadiga e con le mie man?". E san Brandan lo prese per la man e levòlo suso de tera e de'-li pasie, e puo' li dise: "Fiol mio, vui sié lo ben vegnudo. Sapié che lo nostro signor misier Iesù Cristo n'à ordenado, za boni dì, questo luogo per dover far la festa de la soa Pasqua, ch'è de la soa santa resurezion". Elo respose questo omo cusì: "O pare, vui staré ancuò qua e faré quelo che vui avé a far in lo Sabado Santo, che è ancuò; mo doman per tenpo seré in quela isola, che sé colà, la qual vui vedé e là faré vostra stanzia e canteré la santa mesa e diré le altre ore. E a Dio plase che questo se faza in quela isola e non in questa".

E abiando cusì dito, lo abado fese alogar tute le cose in nave per andar a quelo luogo la doman per tenpo. E siando ben cargada la nave de cose, l'omo dise: "Misier, la nave è sì plena, ch'ela non può plui tegnir, mo non ve dubité de roba ch'ela ve manca. Andé via quando vui volé e io ve manderé, pasando li viii dì, tuto quelo che ve averà luogo per manzar e per ber; e serà tanta roba, ch'ela ve durerà fina l'oltra Pasqua de le Pentecoste". E como elo ave cusì dito e san Brandan li respose e diseli cusì: "Como sas-tu là che nui saremo pasando li viii dì?". E elo dise: "Vui seré in questa note ben per tenpo in questa isola, la qual vui vedé qua da pruovo e doman infina l'ora de sesta; e puo' navegeré a una altra isola, ch'è pruovo de quela e si è inver ponente e si è apelada lo paradiso de le osiele, e là ve staré fina l'otava de le Pentecoste". E abiando quelo cusì dito, lo abado lo domandà de le piegore, como ele iera cusì grande e cusì blanche e cotante ed elo li dise cusì: "Vui dové saver che in questa isola si è bone erbe e rosada che cazie plena de mana, e lo êro molto tenperado e bon, onde elo è sì gran bon star; e nesun non li tuò' la late soa per forza, da che li agneli suo' non teta plui; in quanto non è inverno che le faza morir da fredo nì infermar e no 'nd' è lovi che le alzida nì becheri. Ed ele se vive al so seno e va e sta là ch'ele vol de dì e de note, e inperziò è cusì grande e cusì blanche e cusì cotante".

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/08&oldid=42480"