Navigatio Sancti Brendani/09

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
IX
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  VIII Edission e fonte ▼ X  →
Hic invenerunt piscem Iasconium et super eum fecerunt festum Pasche

Et abiando quelo cusì dito, elo tolse conbiado e andà tuti in nave e comenzà a navegar inver quela isola, fazandose crosie e digando la benedizion; e (como) eli fo a l'isola, la nave se astalà ananti ch'eli podese prender porto, e san Brandan comandà a li frari che eli esia de nave e intrà in mar segura(mente) per vegnir a la tera. Eli cusì fese e siando inn-aqua eli tolse le corde e tirà la nave a lo porto e ligàla ben.

E questa isola iera plena de piere e no 'nde iera erba in alguna parte e lo lido non aveva sablon, mo pur tera ferma. Puo' se conzà tuti li frari in orazion per diversi luogi e lo abado romase in nave, ed elo saveva ben che isola che la iera, mo non lo voleva dir ad eli, perché eli nonn-avese paura. E siando vegnudo lo dì, elo comandà per tenpo a tuti li prèvedi che ziascun canta una mesa; eli cusì fe, e como san Brandan con tuti li altri frari e ave cantado le so mese in nave, li frari comenzà a portar fuor de na' de la carne cruda per cuoserla e pesi, li qual eli aveva con si aduti da la oltra isola. E como eli avé cusì fato, eli mese uno lavezo al fuogo e, fazando gran fuogo soto e boiando forte lo lavezo, tuta la isola comenzà a tremar a muodo de una onda; e li frari per la paura comenzà a corer a la nave e lasà ogna cosa e pregà devotamente lo santo ch'elo abia cura d'eli, e lo abado li tolse tuti per la man in nave. E como eli fo tuti entro, eli comenzà forte a navegar [e] questa isola se destendea in ver ponente. E vete da lonzi uno gran fuogo ardente per la quantità de doa mia, e lo santo pare li dise che cosa iera questo: "O frari mie', ché vui ve meraveié de lo fuogo, che vui vedé che esie de quela isola de là?". Ed eli respose: "Ziò è veritade; sapié, misier, quanto nui avemo abudo gran paura". E elo li dise: "Fioli mie', non abié miga paura; Dio in questa note me revelà in una vision questo, che la isola o' nu' fosemo e che arde cusì, non è isola, mo si è lo primo pesie e lo mazor de tuti li altri e lo plui longo, e à nome Iason".

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/09&oldid=42481"