Navigatio Sancti Brendani/06

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
VI
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  V Edission e fonte ▼ VII  →
Qua comese uno frar furto e morì

Siando pasado li tre dì, elimontà in nave e comenzà a navegar e far lo so viazo, e lo santo pare dise a li frari: "Vardé ben tuti che nesun de vui non ebia tolto alguna cosa de questo luogo". Eli respose: "Non voia Dio che algun de nui ebia fato furto nì vetuperado lo so viazo". E abiando cusì dito, lo santo pare dise: "Vedé questo nostro frar, de lo qual io ve disi ieri? Elo à tolto uno fren d'arzento e àlo scoso in sen de lo diavolo; e elo lilo de' e elo lo tolse senza mia parola. Or sapié quelo ch'elo 'nde die far: nui posemo tuti perir per questo pecado".

E cusì tosto como lo frar lo ave oldido, elo trase lo fren de soto e gitàse a li piè de lo abado, digando: "O pare santo, perdoname, ben so ch'io ò pecado; oré Dio per l'anema mia, che ela non piera per questo furto". E tuti li frari fo tristi e gitàse in tera devotamente e comenzà a pregar Dio per l'anema soa; e levando li frari suso da la orazion, lo frar che aveva fato lo furto si fo levado suso dreto in piè e stava molto gramo e vergognoso dananti l'abado. E tuti quanti vete sair uno fantolin negro de soto li drapi de lo frar che aveva lo fren, lo qual urlava a olta vosie, digando cusì: "O santo pare, perché me cazes-tu via de lo mio luogo con le tuo orazion? Sepi ch'elo è pasado sete ani ch'io son stado da ogna ora con questo frar per inganarlo de algun pecado mortal, e mai non lo puti inganar se no questa note. Mal fè, abado, ché per ti me convien mudar albergo e partìme da la mia ereditade!". E abiando quelo cusì dito, san Brandan dise in questo muodo a lui: "Io sì te comando in nome de lo Pare e de lo Fiolo e de lo Spirito Santo, ch'è nostro signor Iesù Cristo, che tu te parti via e non diebi nuoser ad algun omo defin lo dì de lo zudisio". E cusì quelo se partì, vegando tuti, e puo' se volse inver lo frar e diseli: "Incontinente confesate ben con uno prèvede, e puo' morirà e partiràse l'anema toa dal corpo. E in questo luogo die star lo to corpo, e qua si è la toa sepoltura, e in Niferno si è quela de lo to conpagno ch'è frar e che vene con ti da lo monestier".

E de presente ello sì comenzà a tuor penetenzia e rezever devotamente lo corpo del nostro signor Iesù Cristo, e l'abado e li frari comenzà a cavar la fosa per elo, e cusì tosto como lo frar ave rezeudo lo santo sacrifizio, elo morì e l'anema soa fo tolta da li agnoli e portà in zielo. Vegando cusì li frari, eli sopelì lo so corpo in questo luogo e feli l'ofizio so ordenadamente.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/06&oldid=42478"