Navigatio Sancti Brendani/05

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
V
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  IV Edission e fonte ▼ VI  →
(Como elo vene un can e menà san Brandan con li soi frari infina a un castelo)

E siando consumado li xl dì, eli aveva manzado ogna cosa: eli trovà una isola ver tramontana, e iera molto erta e plena de sasi, e prosimando a lo lido eli vete una riva molto alta e dreta con' uno muro; e sì ne iera molti rieli, che veniva zoso da la montagna in mar, e non podeva trovar porto o' che se astalase la nave. E li frari, siando torbadi da fame e da sede, tuti tolse li vasieli e inplìli d'aqua per ber e logà questa aqua (in nave), e vegando san Brandan questo fato, dise cusì: "Non fé cusì, ch'elo è mateza a far quelo che vui fé. Quando Dio non vol mostrar 'de porto, perché volé-vi per forza tuor le so cose? A mi non plase che vui toié questa aqua". Onde elli la gità via e in cavo de li tre dì Iesù Cristo li lasà zonzer a porto, et elli alogà la so nave e desmontà zoso per manzar, e per l'isola andà zercando da manzar, e stete tre dì a trovar questo porto intorno questa isola, e in ora de nona elli zonse a uno porto molto streto, sì che apena 'de intrà la so nave. E ananti che elli ne intrase, sen Brandan signà lo porto e benedìlo devotamentre, e là s'iera una gran piera molto alta e taiada per mezo e stava dreta como muro, e tuti sì desmontà de nave e vene in tera.

Alò santo Brandan comandà a tuti ch'eli non trazese alguna cosa fuora de la nave, e andando su per la riva de lo mar e' li vene incontra un can e feli careze a pruovo li piè de sen Brandan, sì como suol far ziascun a so misier. E in quela fiada san Brandan dise a li so' frari: "Non ve par che Dio ve à mandado bon meso? Andéli driedo seguramentre o' ch'elo ve menerà". E in quela fiada san Brandan con li suo' frari sì andà driedo lo can fina a lo castelo, e intrando dentro elo sì vete una gran masion, in la qual iera molti leti da zasier e sezi da seder e aqua in vasieli da lavar i piè. E sentando zoso lo santo sì comenzà (a parlar) a li so' frari, digando cusì: "O frari, vardé ben che 'l Satanas non ve ingana o non ve duga a intentazion. Io sì lo vego inganar (uno) de li tre frari, li qual ne vene driedo da lo nostro monestier, ch'elo vuol comenzar uno furto pesimo e rio per l'anema soa, a casion che l'anema soa è dada za in le man del diavolo". E quela casa, in la qual eli stava, ela iera quasio inbrigada intorno li paredi de vasieli apicadi, li qual iera de diverse nature de metali, sì como de freni e de corni adornadi d'arzento intorno. E in quela fiada san Brandan dise a lo so menistro che soleva dar lo pan a li frari, ello li dise: "Apresté lo disnar che Dio ne ha mandado". E quelo incontinente se levà suso per apariar; e andando per l'albergo, trovà la tola tuta aprestada de mantili e de pan blanco e de pesi ben coti e nenzioli molto blanchi in ziascun leto. E como elli fo a la tola, vegando queste cose cusì ben aprestade lo santo Brandan comenzà la benedizion con li frari e dise questo verso: Qui dat escam omni carni confitemini Deo celi. E sentàse a tola e comenzà a manzar loldando Dio devotamente; e ave da ber quanto eli volse, e abiando conplido de manzar, regrazià Dio e lo santo dise a li frari: "Andé, adoré defina sera, e puo' ziascun vada a dormir in lo so leto e poséve, perché le vostre nenbre si è stanche e tropo fatigade de lo vogar, che vui avé fato cotanto".

E quando li frari dormiva san Brandan vete una ovra de lo diavolo, ch'el fe far a uno de li so' frari. E elo vete uno fante negro lo qual aveva uno fren in man e zugava con eso davanti li piè de uno de li frari, e incontinente san Brandan levà suso e comenzà a orar, e stete in orazion defin dì. E quando fo ora de zo, sì ordenà de dir lo so 'fizio, e como li ave conplido de dir lo so ofizio, eli voleva andar in nave: eli vete la tola plena de cose per dover manzar, ond'eli stete là e manzà e bevè quanto elli volse, e questo li durà tre dì; e per questa casion eli stete in questo luogo tre dì e Dio li mandà quelo che li aveva luogo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/05&oldid=42477"