Lettera di Pasqualino gondoliere

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Lettera di Pasqualino gondoliere
1757
Edission e fonte ▼

A Sua Eccellenza il signor Niccolò Balbi provveditore al Zante, fu suo padrone in Venezia, con cui gli dà notizia della Vestizione della nobil donna Marina Falier, e gli manda le controscritte ottave.


Zelenza benedetta, me butto in zenocchion.
Se ghe scrivo una lettera, la prego de perdon.
La sa che servitor fedel mi ghe son stao,
E spero, co la torna, servirla darecao.
5So Zelenza parona so che la me vol ben,
Si ben la me criava co andava al magazen;
Adesso vago in chiesa co st’altra mia parona,
Ascolto delle Messe, e digo la corona.
Ma po co me vien sonno, disendo le orazion,
10Vago a tórghene un gotto al maga de sbrisson.
Vôi dirghe co sta lettera, che ho visto e che ho sentio
So Zelenza Marina quando la s’ha vestio
Munega a Santa Marta, e ghe son stà anca mi.
Che gh’aveva una sé, che no podeva pì.
15Ho visto la fonzion: co i gh’ha taggià i cavei,
Co i gh’ha cavà da dosso i abiti più bei;
Co la corona in testa l’ho vista a camminar;
Ho sentio sur un palco i musichi a raggiar.
Andar in parlatorio ho visto el parentà:
20Ghe giera el bon e el meggio de tutta sta città.
In mezo a tanta zente ho visto su la festa
So Zelenza Zuane, e gh’ho basà la vesta.
Vorria contarghe tutto per consolarghe el cuor,
Savendo l’amicizia, savendo el bon amor
25Che passa tra de lori, e che fin da putei
El Balbi col Falier se ama da fradei.
A parlar qualche volta no la cedo a nissun,
Ma adesso no so gnente, perché son a dezun
Se ghe mando sto libro, spero de parer bon:
30Del so caro Goldoni la xe composizion.
So che la ghe vol ben, e so che de bon cuor
Sempre la ghe xe stada costante protettor.
Lo vago qualche volta a casa a saludar,
Perché del mio paron gh’ho gusto de parlar;
35El me ne dise tante, che proprio el me consola,
E po de quando in quando bagnemo la parola.
Sto libro che ghe mando xe del dottor Goldoni,
I versi mi no giudico se sia cattivi o boni.
Disela se i me piase? Dirò: Zelenza sì,
40Perché xe scritto chiaro, perché intendo anca mi.
Xe tanti anni che vedo a far de ste fonzion,
E senza intender gnente son stà co fa un minchion:
Adesso intenderò con un de sti libreti
Quel che dise le muneghe, e la novizza, e i preti.
45No ghe lo mando miga a éla per sto fin,
So che vostra Zelenza ghe ne sa de latin:
Ma spero che l’al leza con gusto e con piaser,
Perché ghe xe qualcosa in lode del Falier.
Certo che sto poeta godeva dir de più
50De un cavalier de merito che gh’ha tante vertù,
Che quando za do anni xe restà senator,
Tutta quanta Venezia s’ha consolà de cuor.
Ma in tutta confidenza a mi el m’ha confessà
Che de sto zentilomo savendo l’umiltà,
55No l’ha volesto dir gnente affatto de più,
Perché za el xe abbastanza da tutti cognossù.
Anche della novizza de più l’averla dito,
Ma tanti l’ha lodada, tanti poeti ha scrito.
Che lu con polegana dai freschi el s’ha cavà,
60E el ne xe salta fora co st’altra novità.
E per el mio paron cossa faralo un dì?
El se metterà al ponto de sfadigar de pi,
Quando che le so putte le se rissolverà
De maridarse, o pur de star dove le stà.
65E gh’ha Zelenza Balbi tanti fioi benedeti
Da straccar el cervelo a dodese poeti.
Zelenza benedetta, la lettera fenisso:
Ghe fazzo reverenza, e il libro ghe spedisso.
Prego Dio che la torna presto, contento e san.
70Vorave che sto zorno fusse quel de doman.
Che no la se desmentega sto povero gramazzo.
Zelenza, al so bon viazo. Un prindese ghe fazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Lettera_di_Pasqualino_gondoliere&oldid=49936"