Leggende fantastiche popolari veneziane/VI

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
VI. De un piovan de San Marcuola, che gà dito che i morti in dove che i xè i resta.
1875
←  V Edission e fonte ▼ VII  →

[p. 17 modifica]VI. — De un piovan de San Marcuola, che gà dito che i morti in dove che i xè i resta.

A un tempo ghe xè stà un piovan a San Marcuola, quà in Venezia, che el gaveva tante bone qualità, e [p. 18 modifica]el gaveva anca quela che no ’l voleva vedar signore in ciesa co ’l capelo in testa, e el gaveva cuor de andarghelo a far cavar, parchè el diseva che quela xè casa di Dio, e che quelo che no xè parmesso per i omeni, no gaveva da essar parmesso gnanca a le done. Quele done che gaveva el fazzoleton su le spale, lu el voleva che le se lo metesse in testa, parchè no le fusse vaghegiae.

Ma sto piovan, pò, el gaveva quela che no ’l credeva ai morti. E un giorno, fra i altri, el fa ’na predica, e in sta predica el dise al popolo: — «Ascoltate, fratelli miei cari. Sta matina apena intrato in sta ciesa, me capita una mia penitente, e sta penitente, tuta spaventada, me dice: Oh, padre, quanto spavento che gò ciapato questa note! Giera in leto che dormiva e i xè vegnui a tirarme zozo le coverte. E mi gò dito: Cara figlia, questo non è possibile, parchè i morti in dove che i xè i resta.» — E cussì el ghe fa sentir a tuto sto popolo che no xè vero che i morti se fazza vedar e sentir.

Là, el finisse la so predica, e pò tuti va via e va via anca sto piovan.

Vien la sera, e sto piovan, come ’l solito, va in leto. Co’ xè su la meza note, el sente sonar a forte la campanela. Va al balcon la serva, e sta serva la vede ’na gran compagnia de persone, e la ghe dise: — «Chi xè?» — E lori ghe dimanda se xè a casa el piovan; e ela ghe risponde de sì, e ch’el xè in leto. Alora lori ghe dise che i vol ch’el vegna da basso. Sto piovan, ch’el sente che ghe xè sta gran compagnia, no el vol andar. Lori torna a sonar la campanela e a dirghe a sta serva che i lo vol da basso; e [p. 19 modifica]el piovan torna a farghe dir che no’l va in nissun logo. Alora se vede sbalancar la porta e andar de suzo tuta sta compagnia. E i va tuti in camara de sto piovan, e i vol ch’el se leva su dal leto, e ch’el se vesta e ch’el vaga co lori. Sto piovan, pien de spavento, s’à vestìo, e gà tocà andar. Co i xè stai in t’un serto logo, i lo gà tolto in mezo, e là i ga dà tante pache e tante pache, che no ’l saveva da che parte le ghe vegnisse. Dopo i gà dito cussì: — «Questo xè un recordo dei povari defunti.» — E là, i xè sparii tuti, e no s’à visto più nissun; e sto povaro piovan xè tornà a casa coto e conzo, e cussì i morti i gà fato vedar che no xè vero che in dove che i xè i resta.