Il Minuetto/Prologo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Il Minuetto
Bozzetto comico in un atto
PROLOGO
1890
Edission e fonte ▼ Scena I  →
[p. 201 modifica]
PROLOGO.

Go tegnuo drio fin desso. L'andava come el vento
Zo per cale e calete - Caspita! me la sento
Ancora nele gambe la corsa che go fato!
El gera cussì alegro che l'ò credesto mato.
5No go mai visto un vecio de sessant'ani e più
Andar a passo svelto come l'andava lu.
Cossa diavolo galo? go dito fra mi e mi.
Dove diavolo córelo el cavalier, cussì?
E per quel çerto istinto bon de curiosità,
10Senza ch'el me vedesse, go tegnuo drio fin qua.

[p. 202 modifica]

L'è andà zoso per cale dei Fabri da drio via,
Per cale de la Piavola l'è sbucà in Frezzaria,
L'è corso per San Luca al Carbon dreto dreto,
L'à ciamà pope subito e l'à passà tragheto.
15Mi drio senza parerlo; e avanti per la Riva
Del Vin, sempre disendome: se ariva o no se ariva?
Avanti per San Giacomo, su per Sant'Aponal
Fra i ciasseti e i spasseti del mato carneval.
Mascare da per tuto; - strade piene de zente,
20Che al fredo de zenaro ghe bada poco o gnente
Pur de scordar fra i ciassi qualunque sia tormento.
Qua un Arlechin poeta, là un Pantalon contento,
Negre baute piene de mistero, e tosati
Col viso tento alegri a far da cani e gati.
25Zentildone galanti coi so bei damerini,
Omeni grandi e grossi vestii da fantolini
E fioi col paneselo vestidi da Eçelenza,
Dotori cola mascara e fior d'aseni senza.
Insoma un pandemonio de zente imboressada
30Che ziga, urla, se spenze, core per ogni strada.
In mezo a tante mascare, co tanta zente in ziro,
Senza badar a gnente, quasi senza respiro,
Scansando intopi e ciacole, cussì sora pensier,
Andava intanto alegro, sicuro el cavalier.
35Per Rioterà dei Nomboli in cale l'è arivà,
E qua, co Dio à volesto, de bota el s'à fermà.
El s'à fermà... curiosi... lo digo o no lo digo?
Spereu che ghe sia soto forse el so mato intrigo?

[p. 203 modifica]

Me dol... ma per stavolta (vardè che inzenuità!)
40Ga le so carte in regola l'onor e l'onestà.
Quietéve - per stavolta - me despiase nel cuor -
No gavaré notizia che de un onesto amor.
El s'à fermà ala porta de so Eçelenza Nina,
Vedova sui çinquanta - ma carina... carina...
45Un bel profilo... un spirito... piena de zoventù...
Una de quele done come no ghe n'è più.
Molti ani fa tra lori gh'è sta una relazion,
Gh'è sta un afeto vero, una vera passion,
Pareva che i do zoveni se unisse in matrimonio,
50Ma sul più belo, tràchete! xe nato un pandemonio,
E xe andà tuto in aria... Misteri de la sorte!
Che per un matrimonio fusse amor tropo forte?
De chi sia sta la colpa no podarave dir,
Ma so che se i do amanti l'à volesta finir,
55S'à conservà tra lori un çerto non so che,
Che quando che i se trova ghe seca esser in tre.
Ciaméla gratitudine, memoria, simpatia,
Ciaméla un sentimento d'odio o de antipatia,
Tuto, ma no fredezza, ma indiferenza no,
60Se quando che i se trova ghe piase esser in do.
Stassera po el gaveva un'aria cussì ardita,
Che tuto xe possibile... l'è un çerto tipo Tita!
Mi lo credo capaçe a sessant'ani... basta...
Se trata de do vedovi forti e de bona pasta.
65Cossa che sia sto afeto che sempre se rinova,
Xe un afar serio dirlo... lo sa quei che lo prova.

[p. 204 modifica]

L'amor xe come vampa che te consuma el cuor,
Nissun al mondo scampa dal fogo de l'amor.
L'è un dio che te consola, che la vita infiora,
70L'è un diavolo che porta l'inferno e la malora.
L'è mestro de malizie, de falsi zuramenti,
Fontana de beleze, de lagreme e tormenti,
L'è vin che presto imbala, l'è fior che te profuma,
L'è fogo d'artifizio che sluse e presto sfuma.
75L'è un furbo dei più furbi, che fa cativi e boni,
Che ga per casa el pèto, e i oci per balconi.
L'è corse, l'è berlina, l'è pianta parassita,
L'è un mal che te destruse, l'è un ben che te dà vita.
L'è belo come Vènare, come Vulcan l'è bruto,
80L'è una bronza coverta, l'è un gnente... e pur l'è tuto.
Scusé sto slanzo lirico, che in tuto el so calor,
No ve ga dito ancora cossa che sia l'amor.
E Tita? Eh! quanto a Tita, che go seguìo fin qua,
Fra poco cola Nina d'amor el parlarà.
85Dio me la manda bona!... Oh stupido che son,
Go butà via l'incognito cussì come un mincion.
Ma za l'avé capida... Tita son proprio mi,
Scusé se v'ò tegnudo in ciacole cussì.
Coro de su da Nina... (guarda l'orologio) me son fermà anca tropo,
90Coro. se mai vedémose o domatina o dopo,
Ve contarò in segreto come che l'andarà,
Stassera go un progeto... Sarà quel che sarà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Il_Minuetto/Prologo&oldid=54409"