Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/45

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 49 modifica]A dì vinti sette pur de questo mexe de mazo, pur questi malvaxi pagani fexe tuta questa notte artanti1 fuoghi, quanti che i fexe l'altra notte, e durò questi fuoghi per in fina a la meza notte, e cun cridori teribelisemi, i qual cridi si se aldiva per in fina a la banda de la Natolia, che sun mia dodexe luntan dal campo, per muodo che tuti nui cristiani avevemo una grandissima paura; questo spavento ne durò fina al zorno chiaro; ma tuto el zorno non feze mai altro che bombardar in le puovere mure, e butà hozi muro asai per tera, e messene mezi in scatura.2 Da mar n'avessemo cosa niuna; altro non fo in questo zorno ni la notte. —



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. altrettanti.
  2. affanno.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/45&oldid=41775"