Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/46

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 49 modifica]A dì vinti otto pur de questo mexe de mazo el signor turco si fexe far uno comandamento a son de trombeta per tuto el suo campo, che soto pena de la testa tuti i suo bassà, e i suo subasì, e tuti altri suo capetani, e d'ogni condition se sìa, che abia turchi a so governo, si debia redurse per tuto questo zorno a le suo poste, e questo perchè doman el signor turco vuol dar doman la bataia zeneral a questa dolente cità. Fato che fo questo comandamento per el campo, tuti presta1 andò a le sue poste, più ca de pressa,2, ma tuto questo zorno da la matina fina a la notte turchi non fexe mai altro ch'adur scale ertissime a presso de le mure per avagarle per doman, che dìe esser el zorno cordial de la bataia. Queste scale si fo zerca do milia, da poi le scale i duse una gran quantitade de gradizi per coprirse le persone al alzar de le scale apè de le muraie. Fato questo, turchi si andava sonando trombe per el campo, e nacare, e tamburli per alegrà el puovolo del campo, digando: fioli de macometo stè de bona voia, che doman avaremo tanti cristiani, in le man, che i venderemo do al ducato per schiavi, et avaremo tanta richeza, che tuti saremo oro, e de le barbe de griexi faremo lazi da ligar i nostri cani, e le moier, e fie soe ne sarà schiave, sì che, fioli de macometo, stè de bona voia e voiè morir de bona voia per amor del nostro macometo. E a questo muodo lor pagani si andava alegrando el suo campo. Fato questo, i fexe una crida per tuto el suo campo, che zascadun turco soto pena de la testa dovesse star, e andar, e far tuto quelo che i fosse comesso per i suo cavi. A la sera tuti turchi ordenadamente si iera reduti a le sue poste con tute arme, e grandenisimi monti de freze; quando che fo la sera [p. 50 modifica]tuti lor turchi si iera andadi a le suo poste, e lì tuti si steva de bona voia con el dixiderio de dar la bataia, e tuti pregando el suo macometo, che i desse vitoria e aiuto. Ma questo zorno turchi si bombardò tanto le puovere mure, che el fo una cossa da l'altro mondo, e questo fevei3 per questo che iera el zorno de meter fin de bombardar. Nui cristiani in questo zorno fessemo cara sette de manteleti4 da meter a le merladure da la banda da tera; fati questi manteleti, fo reduti a la piaza, e misser lo bailo fexe comandamento ai griexi che portasse questi prestamente a le mure, e mai griexi non i volse portar se prima i non fosse pagadi, e stete in contrasto quaxi sera per muodo, che nui venitiani convegnissemo pagar de borsa a chi i porta, e griexi nula si volse pagar; e quando che i manteleti fo zonti a le mure, el iera la note, e queli non podessemo conzare ai merli per la bataia, e si stessemo senza, e questo fexe l'avaritia de lor griexi. Pur in questo dì, a ora de mezo dì, misser lo bailo si fexe uno comandamento a tuti queli che se apelasse venitiani, si dovesse andar a le mure da la banda da tera, prima per l'amor de dio, e poi per el benefitio de la tera, e per honor de tuta la cristianitade, e che tuti de bona voia devessi morir, e star a le suo poste; e tuti de bona voia obedì misser lo bailo el suo comandamento, per muodo che se metessemo in ordine meio che nui podessemo, e cusì simelmente metessemo in ordene l'armada da mar, e masima la cadena del porto, e tute nave e galie. — El signor turco cavalcò ancuo a la so armada che sun a le colone, con cavali diexe mila, per veder come quela si iera in ordene, e meter ordene per doman, per dar bataia zeneral, e molto ben el dito turco dè ordene con el suo capetanio a che modo che i dovesse investir. Fato questo, el dito signor se messe a dover far tanfaruzo5 con el suo capetanio da mar, e con altri suo subasì, e tuti insembre se imbriagò segondo lor so costume; da poi el dito signor se retornò in campo; el dito signor si stete al tanfaruzo per in fina al sol posto. Tuto questo zorno fo sonà per tuta la tera campana martelo, per redur tuti a le sue poste, e femene e puti comunalmente si portava piere a le mure, per fornir i merli, per butar quele adosso di turchi; tuti andava pianzando per la tera da spaxemo grando che i aveva de lor. Come fo una ora de note, i turchi che iera in campo si se mise a far per tuto el campo fuoghi teribelisimi, asai mazor de quelo, che i avea fato queste do [p. 51 modifica]altre notte passade, ma el iera tanto i suo cridari, che nui cristiani non podevemo durar a queli, e insembre con i cridi i treva asai bombarde, asaissimi scopetti, rochette i ne butava senza numero, che quaxi nui tuti ne pareva a esser al propio inferno. Questo so sollazo e festa de alegreza si durò per fina a la meza note, e poi i fuoghi si fo destuadi6, ma lor pagani tuto el zorno, e tuta la note non fexe mai altro che pregar el suo Macometo, che i desse vitoria de aver questa cità de Costantinopoli, e nui cristiani tuto el dì e la note, pregavemo dio con la sua mare madona santa maria, e tuti santi e sante che xe in cielo, e con le gran lagreme ben devotamente pregando queli, che ne daga vitoria, e che ne scampa da la furia de questo malvaxio pagano. Or abiando pregado una parte e l'altra el suo dio, che ne dese vitoria, lor al so, e nui al nostro, el nostro signor dio determenò in cielo con la sua madre chi dovea esser avenzadori de questa bataia cusì aspra, la qual doman se dìe veder la concluxion de questa. —



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. prestamente.
  2. più che di fretta.
  3. facevano.
  4. macchine, che mettevano i soldati al coperto dalle offese nemiche.
  5. chiasso, chiassata, baldoria.
  6. spenti.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/46&oldid=41776"