Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/55

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A dì vinti sette pur de questo mexe de mazo, pur questi malvaxi pagani fexe tuta questa notte artanti1 fuoghi, quanti che i fexe l'altra notte, e durò questi fuoghi per in fina a la meza notte, e cun cridori teribelisemi, i qual cridi si se aldiva per in fina a la banda de la Natolia, che sun mia dodexe luntan dal campo, per muodo che tuti nui cristiani avevemo una grandissima paura; questo spavento ne durò fina al zorno chiaro; ma tuto el zorno non feze mai altro che bombardar in le puovere mure, e butà hozi muro asai per tera, e messene mezi in scatura.2 Da mar n'avessemo cosa niuna; altro non fo in questo zorno ni la notte. —

A dì vinti otto pur de questo mexe de mazo el signor turco si fexe far uno comandamento a son de trombeta per tuto el suo campo, che soto pena de la testa tuti i suo bassà, e i suo subasì, e tuti altri suo capetani, e d'ogni condition se sìa, che abia turchi a so governo, si debia redurse per tuto questo zorno a le suo poste, e questo perchè doman el signor turco vuol dar doman la bataia zeneral a questa dolente cità. Fato che fo questo comandamento per el campo, tuti presta3 andò a le sue poste, più ca de pressa,4, ma tuto questo zorno da la matina fina a la notte turchi non fexe mai altro ch'adur scale ertissime a presso de le mure per avagarle per doman, che dìe esser el zorno cordial de la bataia. Queste scale si fo zerca do milia, da poi le scale i duse una gran quantitade de gradizi per coprirse le persone al alzar de le scale apè de le muraie. Fato questo, turchi si andava sonando trombe per el campo, e nacare, e tamburli per alegrà el puovolo del campo, digando: fioli de macometo stè de bona voia, che doman avaremo tanti cristiani, in le man, che i venderemo do al ducato per schiavi, et avaremo tanta richeza, che tuti saremo oro, e de le barbe de griexi faremo lazi da ligar i nostri cani, e le moier, e fie soe ne sarà schiave, sì che, fioli de macometo, stè de bona voia e voiè morir de bona voia per amor del nostro macometo. E a questo muodo lor pagani si andava alegrando el suo campo. Fato questo, i fexe una crida per tuto el suo campo, che zascadun turco soto pena de la testa dovesse star, e andar, e far tuto quelo che i fosse comesso per i suo cavi. A la sera tuti turchi ordenadamente si iera reduti a le sue poste con tute arme, e grandenisimi monti de freze; quando che fo la sera

  1. altrettanti.
  2. affanno.
  3. prestamente.
  4. più che di fretta.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/55&oldid=62513"