Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/43

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 48 modifica]A dì vinti cinque pur de questo mexe de mazo, a hora de vespero fo trovada una cava pur in quel medemo luogo de la Calegaria a presso le altre prime cave, e questa cava si iera forte e dubioxa de pericolo, e questo perchè i avea messo uno pezo de muro in punte, che dado fuogo che i avesse, el saria caduto per tera questa sua cava, e caduda che la fose stà questa cava, subito questi turchi si saria intradi dentro de questa zitade, e avariala abuda a man salva, senza contrasto niuno. Questa cava si fo l'ultima che i fexe, e l'ultima che fosse trovà, ma questa si iera la più dubioxa cava che fose trovà. Ma pur in questo medemo dì, turchi si trè assaissime bombarde dentro da le mure da tera, e butò zoxo assai muro, e tosto nui con boni repari de tera e de botami; per muodo che i fevemo forti come da prima; freze n'avessemo questo zorno senza numero; da mar l'armada del turco non feze movesta niuna, ni la nostra, salvo, che pur dì e note stevemo d'agnora in arme, nave e galie. —

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/43&oldid=41773"