Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/54

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


pur stevemo in arme per spavento de la sua armada, che non fosse vegnudi assaltarne al improvixa.

Per el campo del turco in questo zorno se fexe asai feste, de soni, e de altra condition de alegreze, e questo perchè i sentiva che tosto i volea dar la bataia zeneral.

A dì vinti cinque pur de questo mexe de mazo, a hora de vespero fo trovada una cava pur in quel medemo luogo de la Calegaria a presso le altre prime cave, e questa cava si iera forte e dubioxa de pericolo, e questo perchè i avea messo uno pezo de muro in punte, che dado fuogo che i avesse, el saria caduto per tera questa sua cava, e caduda che la fose stà questa cava, subito questi turchi si saria intradi dentro de questa zitade, e avariala abuda a man salva, senza contrasto niuno. Questa cava si fo l'ultima che i fexe, e l'ultima che fosse trovà, ma questa si iera la più dubioxa cava che fose trovà. Ma pur in questo medemo dì, turchi si trè assaissime bombarde dentro da le mure da tera, e butò zoxo assai muro, e tosto nui con boni repari de tera e de botami; per muodo che i fevemo forti come da prima; freze n'avessemo questo zorno senza numero; da mar l'armada del turco non feze movesta niuna, ni la nostra, salvo, che pur dì e note stevemo d'agnora in arme, nave e galie. —

A dì vinti sie pur de questo mexe de màzo a una hora de note, turchi se fexe per tuto el suo campo una gran luminaria de fuoghi, li qual fuoghi ogni pavion che iera in nel campo, si feva do fuoghi, i qual fuoghi si iera grandenisimi, e per el grando calor1 de queli, pareva che fosse de zorno chiaro, questi teribeli fuoghi si durò in fina a la meza note; questi fuoghi el signor turco si i fexe far per el campo, per alegrà el puovolo2 del campo, perchè el se aprossimava la destrution de la puovera zitade, per dare la dura bataia. E fazando lor pagani questi fuoghi, i cridava a la sua uxanza turchesca, che veraxiamente parea che il zielo (!) se volesse aprì. Tuta la zitade si se messe in gran spavento, e tuti cun gran pianto pregava dio, e santa maria che ne dovesse scampar da questa furia de pagani. Ma non me domandè, se tuto questo zorno le bombarde hano lavorado dentro da le mure da San Romano, e quelo che fexe la bombarda grossa, per muodo che in questo zorno d'ancuo avessemo el malano, e de grandi spaventi. Da mar non fo cosa nisuna da conto, salvo che vedevemo che l'armada se andava mesiando.3

  1. chiarore.
  2. popolo.
  3. mescolando.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/54&oldid=62512"