Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/42

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 47 modifica]A dì vinti quatro pur de questo mexe de mazo, a hora de mezo zorno, si fo trovada una cava a la Calegaria pur arente le altre cave uxade, e questi malvaxi turchi si avea messo mezza tore in ponteli, e zerca passa diexe de muro, per dover cazar fuogo dentro, azò quela cazèse per poder subito intrà in la tera. Ma el nostro signor dio non volse sofrir tanto mal per quela hora, e non volse che la zitade se perdesse per quela via. Come griexi si ave trovada questa cusì estrema cava, e subito quela i comenzò a cavar, e muròla prestamente, e fela forte assai, quaxi come da prima, per muodo che (di) quela più non iera da dubitar. Questo zorno turchi si ne dè uno gran impazo a le mure da tera, e de bombarde, e de scopeti, e freze senza numero, sì che avessemo una mala e pexima zornada. Da mar avessemo fastidio niuno, ma [p. 48 modifica]pur stevemo in arme per spavento de la sua armada, che non fosse vegnudi assaltarne al improvixa.

Per el campo del turco in questo zorno se fexe asai feste, de soni, e de altra condition de alegreze, e questo perchè i sentiva che tosto i volea dar la bataia zeneral.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/42&oldid=41772"