Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/15

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 21 modifica]A dì dodexe pur april, a hora de meza terza, azonse l'armada del Turco per mezo el porto de Costantinopoli, intendando questa armada sempre si vignia remizando, e andò da la banda de la Natolia, perchè il paexe si era del Turco, perchè si questa armada fosse vignuda da la banda de Costantinopoli, l'averia abudo impazo assai da l'armada nostra de cristiani. A hore sete de zorno, tuta la dita armada fo compida de sorzer al sorzador1 in uno luogo che se chiama le colone, che son mia do lutan da Costantinopoli da la banda de mar mazor, e sorse in quel luogo come vi ho dito con gran vigoria de cridi, e de sonarj de nachare e de tamburli per muodo che quaxi feva paura a la nostra armada, e a queli de la tera. La dita armada del Turco fo vele cento e quaranta cinque fra galie e fuste e parandarie e bergantini, ma ne iera galie dodexe compìe, fuste grose ne iera da setanta in otanta, parandarie da vinti in vinti cinque, tuto el resto si iera bregantini; etiam in questa armada del turco si ne iera una nave de zerca bote trexento, la qual vene da Sinopoli carga de piere de bombarda e de gradizi, e de legnami, et altre munition per il suo campo, segondo uxanza, come se fa ai campi, le cose nezesarie. Siando sorta tuta questa armada del Turco a le colone, per questo zorno non feze altra movesta, stete ognomo quieti, ma nui cristiani che dubitaemo del nostro nemigo, tuto el zorno e la note, si stevemo in arme, cusì le nave, come le galie, e la cadena ben in ponto, [p. 22 modifica]aspetando de ora in ora, che i vegnisse a investirne in l'armada nostra, stagando la sua armada a le colone, come de sora ho dito. E però, l'acade, de far tal provixion, che el nostro nemigo non vegna a far assalto niuno, ni de note, ni de zorno, e però fo deliberado de tegnir a bela muda do homeni sora le mure de Pera, per tegnir a mente si l'armada del Turco se movea per vignir in ver la nostra; e se i diti vardiani vedeva a muover fusta, ni galia niuna, over bergantin, o de che sorta fusta se volesse, subito queli si vegnia a referir a misser lo capetanio de le galie da la Tana, perchè lui si iera fato capetanio del porto, e referido che l'avea del muover de tante vele, subito misser lo capetanio si feva tocar la trombeta de bataia, e de subito tuti se meteva in arme, come in quelo i volesse tuor la bataia zeneral; e cusì steva in arme queli de la nave, che iera a la cadena, aspetando nui de ora in ora, che l'armada del dito turco vegnisse a investir; dove2 che ogni zorno stevemo in questo laberinto, e gran spavento, sì che come de sora ho dito, zorno e note, convegniemo star in arme, e pur mai questa armada non se movea, e pur si qualche galia se movea, quela andava verso la banda de la Natolia, o veramente verso la boca der mar mazor, per andar al suo castelo fato da nuovo, e mai questa sua armada non devenne ad investir, salvo ne fexe star in arme da paura de lor, da dodexe de april fina vinti nove mazo, dì e tuta notte. Da dì dodexe de questo zoè de april, per fina ai diexedoto pur de questo, non feze tropo movesta ni da mar, ni anche da tera, salvo el suo solizito bombardar che i feva zorno e note, e qualche scaramuza secondo el suo consueto de lor Turchi, con queli de le mure de la tera, avixandove, che lor Turchi si vignia fino soto le mure de la tera a scaramuzar e masima i ianizari, i qual sono soldati del signor Turco, non temando lor, morte niuna, ma vigniva come bestie, e siandone morto uno de queli, over do, subito vignia altri de lor Turchi, e toleva questi Turchi morti, e metevesei suxo le sue spale, come se faria uno porco, e non vardava che i fosse apresso le mure de la tera; ma i nostri che iera suxo le mure, treva con schiopeti, e cun balestre, e deva al turco, che portava l'altro turco morto, e inframendò3cadeano morti in tera, e da possa si vignia altri Turchi, e tò queli via, non temando lor, morte niuna, più tosto i averia lor soferto lassarse amazar diexe de lor, che lasarne uno turco morto apresso le mure de la tera per n'aver vergogna. —



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. sorgitore, luogo dove si può approdare.
  2. di che.
  3. tutti e due.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/15&oldid=41745"