Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/14

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 21 modifica]A dì undexe pur de april, el signor Turco si fexe impiantar le sue bumbarde per me' le mure de tera, ai più deboli luoghi de la tera, per aver piutosto sua intention. Le dite bombarde si fo impiantade in quatro luoghi; prima ne messe tre bombarde per mezzo del palazo del serenissimo imperador, e tre altre bombarde messele per mezo la porta del pigi, e do altre bombarde messele a la porta del Cresu, e altre quatro bombarde messele alla porta de san Romano, dove che sun la più debel porta de tuta la tera. Una de queste quatro bombarde che sun a la porta da San Romano, la piera de la bumbarda se pexa livre mile e duxento a la grossa, volze la piera quarte tredexe, considerate che colpo teribile che la fea dove che la zonzeva1. La segonda bombarda, la piera se pexava livre otozento, volze la piera quarte nove; queste do bombarde son le più grosse che abia questo can Turco, le altre bumbarde si son de più raxon, da livre cinque cento fina da livre duxento, e de minor ancora.



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. era questo il terribile cannone fuso dall'ungherese Orban.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/14&oldid=47841"