Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/12

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 18 modifica] A dì 5 del mexe de april a ora una de zorno, Machomet bej messe campo a Costantinopoli, fo Turchi zerca zento e sesanta milia, e messe campo zerca mìa do e mezzo luntan dale mure de Constantinopoli.

A dì 6 pur de questo, el signor Turco si se ridusse cun la mitàe de la sua zente uno mio luntan da le mure de la tera.

A dì 7 pur de questo, el signor si se redusse cun gran parte de quela zente, zerca uno quarto de mìo luntan pur delle ditte mure, e steva el campo a la fila quanto che durava la faza de le mure de tera, che jera mia sìe, che sun da la Cresca per fina al Chinigo.

Siando el Turco a campo cun grande exerzito atorno questa zità, l'acade a far bona provixion sopra de zò, azò che, questo tal pagan nemigo dela zente cristiana non otegna sua intention contra de nui, e per comandamento del serenissimo imperador, che zascaduno cavo de porta, etiam cavo de tore, e cusì tuti queli che sono deputadi a varda le sue poste cun la sua zente, per far bona varda per lo nostro nemigo.

A dì 6 ditto pur de april, el serenissimo imperador si se mosse dal suo palazzo, e andò a star a le mure da la banda da tera a una porta la qual se chiama Cressu1. La qual porta si è più debole cha porta niuna de la tera, etiam ve iera a presso del serenissimo imperador [p. 19 modifica]bona parte di suo baroni e di suo cavalieri per farli compagnia, e darli bun conforto, ma pur sempre el serenissimo imperador si steva assai dubitando sempre del perfido Turco suo nemigo, il qual aspetava di zorno in zorno la battaja.

Pur ancora a dì 6 de questo, misser Jeruolemo Minoto nostro bailo de venitiani, se partì dal suo palazo, e andò a star in nel palazo del serenissimo imperador, e questo perchè el jera a presso le mure da tera, e vignia a vardar el governo che se feva atorno le mure, etiam perchè niuno non intrasse in nel ditto palazo, etiam ve iera in nel ditto palazo molti nostri nobeli marcadanti, i qual steva apresso el nostro bailo in sua cumpagnia, per suo conforto, e de la tera.

El mega duca2, el qual sono el prinzipal homo de Constantinopoli da l'imperador in fuora, si avea in varda la marina da la banda del porto, et avea cavalli zento de rescossa, i qual jera d'agnora in sua compagnia per dover dar socorso con quegli, dove jera de bisogno a la tera.

I chaloieri3 si avea in varda zerca uno mio de zercuito de mure da la banda da mar.

E el Turco Dorgano4, el qual iera in Costantinopoli al soldo de l'imperador, si avea in varda uno di cantoni de la tera da la banda da mar cun i suo Turchi i qual iera a suo soldo, i qual per avanti avea revelado5 al suo signor, e cussì tuti i prinzipal de Costantinopoli si avea in varda i prinzipal luoghi de la tera, e massima al Chinigo ve iera bona varda.

Pur in questo zorno de sie de aprile, de comandamento del serenissimo imperador metessemo in bataja le 3 galie da la Tana e le do galie sutile, e si se leva dal sorzador, e andò tuti cinque insembre a meter scala in tera in uno luogo, che se chiama el Chinigo, e tuti quanti de quele cinque galie che iera homini mile si muntò in tera tuti armadi e ben in ordene de quelo i bexognava, e zascadun di patroni de le galie si andava con la compagnia de la sua galia, con i so gaiardi avanti, ma capetani de le galie si andava lor avanti di patroni, e i diti capetani cun quele zente si se aprexentò a la prexentia del serenissimo imperador, domandandoli quel che i piaxea comandar de quele tal zente de le galie. L'imperador sì i comandò, che i dovesse [p. 20 modifica]andar a torno le mure da la banda da tera, azochè el perfido Turco nemigo nostro, podesse veder queli cussì ben in ordene, e azò a Turchi se desse ad intender che el fosse zente assai in la tera. Come i ave dado una volta atorno le mure de la zitade, pur solamente da la banda da tera dove che iera el campo, che sun mia sie, tuta la zente tornò in galia a dexarmarse, e le galie si tornò al suo sorzador per mè Pera; parse bel conforto questa zente a queli de la zitade, e parse stranio al nemigo.



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. aurea porta?
  2. Luca Notara, nemico aperto dei Latini, e dell'Unione.
  3. monaci.
  4. Urchan.
  5. si erano ribellati.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/12&oldid=41742"