Colombe

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
Edission e fonte ▼
[p. 164 modifica]
COLOMBE...1


Colombe bianche, negre e cenerine
Che sul orloio vecio de cita
E tuto intorno gavè fato i nidi
Svolando intorno per de qua e de là...,

O cufolade2 solo le finestre
Gavè sintì de noi gioia e dolor,
Gavè assistido sempre a tuti i casi
Che più forte colpiva el nostro cor,

Gavè visto del nostro Munizipio
Tuti i ricordi cari via cazzar,
E 'l palazzo, dei ladri e dei spioni
L'albergo predileto diventar,

Gavè inteso là drento nele sale
Una lingua parlar che no capì,
Colombe care sempre abituade
Al dolce idioma che disi de sì,

[p. 165 modifica]


Gavè sintì la vose dela guera
Ne l'aria freda e cupa rimbombar
E la strazza del'Austria giala e nera
Dal balcon del Palazzo sventolar,

Po tuto in tun3 el grande cambiamento
Spetado tanto tempo alfin vignù,
E i soldai nostri santi e benedeti
Che qua a San Giusto xe vignudi su.

Colombe bianche, negre e zenerine
Che svolè4 in alto per de qua e de là,
Ben capì quel che pensa e quel che dise
In sto momento tuta la cità.



Fine



Note
  1. Questa poesia fu scritta nei giorni della redenzione di Trieste (novembre 1918). La terza, quarta e quinta quartina ricordano le barbare trasformazioni del palazzo municipale fatte per imposizione del Governo austriaco durante il periodo del terrorismo
  2. cufolade, accoccolate, rannicchiate.
  3. tuto in tun, improvvisamente
  4. che svolè, che volate.