Pagina:Trieste vernacola.djvu/188

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


COLOMBE...1


Colombe bianche, negre e cenerine
Che sul orloio vecio de cita
E tuto intorno gavè fato i nidi
Svolando intorno per de qua e de là...,

O cufolade2 solo le finestre
Gavè sintì de noi gioia e dolor,
Gavè assistido sempre a tuti i casi
Che più forte colpiva el nostro cor,

Gavè visto del nostro Munizipio
Tuti i ricordi cari via cazzar,
E 'l palazzo, dei ladri e dei spioni
L'albergo predileto diventar,

Gavè inteso là drento nele sale
Una lingua parlar che no capì,
Colombe care sempre abituade
Al dolce idioma che disi de sì,

  1. Questa poesia fu scritta nei giorni della redenzione di Trieste (novembre 1918). La terza, quarta e quinta quartina ricordano le barbare trasformazioni del palazzo municipale fatte per imposizione del Governo austriaco durante il periodo del terrorismo
  2. cufolade, accoccolate, rannicchiate.