Che pecà!

Da Wikisource
Va a: navigasion, serca

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
←  Vilòte Edission e fonte ▼ Nina in mascara  →
[p. 579 modifica]
CHE PECÀ!


Te recordistu, Nina, quei ani
Che ti geri el mio solo pensier?
Che tormenti, che rabie, che afani,
Mai un'ora de vero piacer!
Per fortuna quel tempo xe andà!....
6— Che pecà! —

No vedeva che per i to ochi,
No gaveva altro ben che el to ben....
Che scempiezzi! Che gusti batochi!
Oh! ma adesso so tor quel che vien;
No me scaldo po tanto el figà!1
12— Che pecà! —

[p. 580 modifica]


Ti xe bela, ma so che ti è dona,
Qualche neo lo conosso anche in ti;
Co ti ridi co un'altra persona,
Me diverto co un'altra anca mi.
Benedeta la so libertà!...
18— Che pecà! —

Co ti canti el to canto me piase,
Digo brava, finia la canzon;
Ma co flema, co tuta la pase,
Senza creder che tuto sia bon,
Senza tor un to mi per un fa....
24— Che pecà! —

Te voi ben, ma no filo caligo,
Me ne indormo de tanta virtù,
Magno e bevo, so star coll'amigo
E me ingrasso ogni zorno de più:
Son un omo che sa quel che el fa!...
30— Che pecà! —

Care gondole de la Laguna,
Voghè pur, che ve lasso vogar!
Quando in cielo vien fora la luna,
Vago in leto e me meto a ronfar,
Senza gnanca pensarghe al passà!...
36— Che pecà! —


Parigi, 1858




Note a cura de l'autor
  1. Figà: fegato.