Pagina:Alghe della laguna.djvu/8

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


VILÒTE.


Ochieti beli del color del cielo,
Ochieti cari del color del mar,
Felice chi ve vede senza velo,
4Beato quelo che ve pol amar!

Ochieti beli, non volteve a destra,
Se no me buto zo da la fenestra:

Ochieti cari, no volteve a zanca,
8Se no perdo el respiro e el cuor me manca.

Ochieti beli, no me fe quel pegio,1
Vardéme co pietà che fare' megio!

No vardè basso, perchè el vostro belo
12Nol ve vien dalla terra ma dal cielo.


CHE PECÀ!


Te recordistu, Nina, quei ani
Che ti geri el mio solo pensier?
Che tormenti, che rabie, che afani,
Mai un'ora de vero piacer!
Per fortuna quel tempo xe andà!....
6— Che pecà! —

No vedeva che per i to ochi,
No gaveva altro ben che el to ben....
Che scempiezzi! Che gusti batochi!
Oh! ma adesso so tor quel che vien;
No me scaldo po tanto el figà!2
12— Che pecà! —

  1. Pegio: cipiglio.
  2. Figà: fegato.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Alghe_della_laguna.djvu/8&oldid=61665"