Pagina:Alghe della laguna.djvu/9

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Ti xe bela, ma so che ti è dona,
Qualche neo lo conosso anche in ti;
Co ti ridi co un'altra persona,
Me diverto co un'altra anca mi.
Benedeta la so libertà!...
18— Che pecà! —

Co ti canti el to canto me piase,
Digo brava, finia la canzon;
Ma co flema, co tuta la pase,
Senza creder che tuto sia bon,
Senza tor un to mi per un fa....
24— Che pecà! —

Te voi ben, ma no filo caligo,
Me ne indormo de tanta virtù,
Magno e bevo, so star coll'amigo
E me ingrasso ogni zorno de più:
Son un omo che sa quel che el fa!...
30— Che pecà! —

Care gondole de la Laguna,
Voghè pur, che ve lasso vogar!
Quando in cielo vien fora la luna,
Vago in leto e me meto a ronfar,
Senza gnanca pensarghe al passà!...
36— Che pecà! —


Parigi, 1858

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Alghe_della_laguna.djvu/9&oldid=61666"