Cavalcada de Romeo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB   MOBI   PDF   RTF   TXT
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 275 modifica]
CAVALCADA DE ROMEO.


...Avea frate Lorenzo, il quale per alcuna bisogna del monasterio poco fuori della città era andato, la lettera della Giulietta, che a Romeo dovea mandare data ad un frate che a Mantova andava; il quale giunto nella città, ed essendo due tre volte nella casa di Romeo stato, nè per sua gran sciagura trovatolo mai in casa, e non volendo la lettera ad altri che a lui proprio dare, ancora in mano l'aveva; quando Pietro credendo morta la sua madonna, quasi disperato, non trovando frate Lorenzo in Verona, deliberò di portare egli stesso a Romeo così fatta novella... La notte seguente verso Mantova camminò che la mattina per tempo vi giunse.

E trovato Romeo che ancora del frate la lettera della donna ricevuta non avea, piangendo raccontò, come la Giulietta morta, avea veduto seppellire...

Dalla novella di L. Da Porto.


Col tempo in moto e el vento a tramontana,
piena la testa de bruti pensieri,
saltando fossi, par trovar sentieri,
che ghe scurta1 la strada mantovana...

Pur de far presto e guadagnar 'na spana
de strada al tempo, se anca monti intieri

[p. 276 modifica]


de sassi o giara,2 in volta se spampana
soto el pestar de la cavala sana,

de pelo bianco co i macioni neri...

Pur de far presto a sbusar3 via le sèse,4
disturbando le cioche5 coi pulsini
e le putèle in mèso a la vanèse...6

Scavissando7 le rame,
spaventando le mame,
che ciapa in brasso tuti i so putini,

Romeo Montecio galopando va
de paese in paese,
verso le tore de la so çità!

― E l'era par sonar l'ave Maria
e tornava le pegore a la stala
carghe8 de lana e de malinconia!

[p. 277 modifica]


Ma lu, pensando a quela çerta scala,
a quei ultimi basi a fior de nio,
a quei presentimenti che no fala,

el sigava a le done: Avìo sentìo,
che sia morta a Verona una putèla,
piassè9 bela de tute, anca de Dio?

E le done diseva: Paron mio,
se fusse vera che l'è morta èla,
fèmo orassion parchè la torna indrio...

E Romeo rispondea: Nissun difeto
la g'aveva, nè vissio, nè busia;
l'era inocente come un puteleto,

e l'è morta cosi, par el dispeto
che no l'ho tolta insieme in compagnia...
Mi son sta quel birbante maledeto!

[p. 278 modifica]


― E l'era par sonar l'Ave Maria,
e scominçiava le prime orassione,
quando ariva un corier de tuta bria...10

«Done, piansì, che è morto Giulia, done...
E stamatina i l'ha portada via
co no so quante a drio mila persone
e tuti i frati de la frataria;

Metà lumini inante a le madone
e che i poareti desfamadi sia;
cantè Giulieta in mèso a le cansòne
de la vostra zentil malinconia...

Done, piansì, che è morto Giulia, done!»

Così, sicuro de la gran disgrassia,
palido in facia e desperà dal mal,

[p. 279 modifica]


co i speroni piantà con mala grassia,
drento la pansa del so bel caval;

col cor distruto, col çervel de fogo,
pronto a la morte e risoludo a tuto,

Romeo Montecio, galopando va
de logo in logo,
verso le tore de la so çità!



Note
  1. scurta: abbrevia, accorcia.
  2. giara: ghiaia
  3. sbusar: bucare
  4. sèse: siepi
  5. cioche: chioccie
  6. vanèse: quadri di ortaglia
  7. scavissando: schiantando
  8. carghe: cariche.
  9. piassè: più assai.
  10. bria: briglia.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Cavalcada_de_Romeo&oldid=70810"