Canti popolari vicentini/XXV

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
←  XXIV Edission e fonte ▼ XXVI  →
[p. 20 modifica]
XXV.

Descàlzete, ben mio, passa quell'acqua
Te trovarè una chiesa fabricata:
Dentro vi stanzia d'un predicatore
Che predica dei salmi de l'amore.
5— Predicator che predichi in Fiorenza
Insegneme l'amor come 'l comenza. —
L'amor comenza con soni e con canti
E la finisce con sospiri e pianti,
L'amor comenza con canti e con soni
10E la finisce con sospiri e toni.


Toni, tuoni — I Toscani:

Il primo giorno di calen di maggio
Andai nell'orto per cogliere un fiore,
E vi trovai un uccellin selvaggio,
Che discorreva di cose d'amore,
O uccellin che vieni di Fiorenza
Insegnami l'amor come comincia. —

[p. 21 modifica]

L'amor comincia con suoni e con canti,
E poi finisce con dolori e pianti.

Calen per calende, è nel Boccaccio ed in altri. Ma il primo giorno dice il medesimo che calen (Tommaseo).

Comincia, ma forse deve stare, come nel nostro, comenza che trovasi spesso negli antichi scrittori toscani.

— Similmente i Bergamaschi:

O Piasenti, che vien de la Piasenza,
Disime un po', l'amor dov'el Comenza. —
L'amor comenza a ridar e a scherzà
E po el finiss a pianz e sospirà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Canti_popolari_vicentini/XXV&oldid=54603"