Pagina:Canti popolari vicentini.djvu/20

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


XXIV.

'Na volta aveva un moroseto fido
Ghe tuti i me segreti ghe contava;
Desso l'è maridà quel traditore
L'ha palesà i secreti de l'amore:
L'ha palesà, l'ha palesato tuto
L'ha palesà quel che ben siam voluto.


Ecco ciò che è l'oggetto di tanta gelosia per le contadinelle, i segreti dell'amore; ed è per questo che tanta ripugnanza hanno a comunicare, a chi ne le domanda, queste canzoni, ove è depositata schietta la vera storia dell'amore, e de' suoi segreti più intimi.


XXV.

Descàlzete, ben mio, passa quell'acqua
Te trovarè una chiesa fabricata:
Dentro vi stanzia d'un predicatore
Che predica dei salmi de l'amore.
5— Predicator che predichi in Fiorenza
Insegneme l'amor come 'l comenza. —
L'amor comenza con soni e con canti
E la finisce con sospiri e pianti,
L'amor comenza con canti e con soni
10E la finisce con sospiri e toni.


Toni, tuoni — I Toscani:

Il primo giorno di calen di maggio
Andai nell'orto per cogliere un fiore,
E vi trovai un uccellin selvaggio,
Che discorreva di cose d'amore,
O uccellin che vieni di Fiorenza
Insegnami l'amor come comincia. —

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_popolari_vicentini.djvu/20&oldid=61905"