Pagina:Canti popolari vicentini.djvu/21

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


L'amor comincia con suoni e con canti,
E poi finisce con dolori e pianti.

Calen per calende, è nel Boccaccio ed in altri. Ma il primo giorno dice il medesimo che calen (Tommaseo).

Comincia, ma forse deve stare, come nel nostro, comenza che trovasi spesso negli antichi scrittori toscani.

— Similmente i Bergamaschi:

O Piasenti, che vien de la Piasenza,
Disime un po', l'amor dov'el Comenza. —
L'amor comenza a ridar e a scherzà
E po el finiss a pianz e sospirà.


XXVI.

Se canto e se no canto el pan me manca,
Se lasso de cantar no ghe n'ho gnanca.


Questo udii poco fa da una contadina che ascoltava leggere i Canti pubblicati nel N. 7 che finiscono con quel rispetto toscano:

S'io canto tutto il giorno il pan mi manca:
E se non canto mi manca a'gni modo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_popolari_vicentini.djvu/21&oldid=61906"