Canti popolari vicentini/VIII

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
←  VII Edission e fonte ▼ IX  →
[p. 13 modifica]
VIII.

No gh'è più bel cantare della sera
La voce ciara e la lingua legera.
No gh'è più bel cantar de la matina
La voce ciara e la lingua laina.


Il C di voce si pronuncia come una Z aspra. Laina o ladina per sciolta, facile. Latino in questo senso ol usò anche Dante nel 3.o Canto del Paradiso:

[p. 14 modifica]

Però non fui a rimembrar festino;
Ma or m'ajuta ciò che tu mi dici,
Sì che raffigurar m'è più latino.

Nel Convito disse: A più latinamente veder la sentenza. — Come agli augelli, la natura insegnò al popolo il canto quasi a conforto delle solitarie fatiche. Un rispetto toscano dice:

S'io canto tutto il giorno il pan mi manca;
E se non canto mi manca a 'gni modo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Canti_popolari_vicentini/VIII&oldid=54586"