Pagina:Canti popolari vicentini.djvu/13

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


Traditorela, che tradisci Iddio,
Megio te tradiressi lo ben mio;
Traditorela, che tradisci i Santi
Megio te tradiressi lo mio amanti.


VI.

Tute le cose piccole son bele.
Tute le cose piccole son rare .
Toli esperienza da lo gelsomino
L'odor xe grande e 'l fior xe picolino.


VII.

Me xe sta dito, e po' mi sono acorto,
Che i toi bei occi ha preso un altro amante:
Te ti n'acorzerè, co sarò morto,
Che più de mi no ghen sarà costante:
Costante costantin costante fido
Costante ti sarò fina che vivo
Costante costantin costante forte
Costante te sarò fin a la morte.


VIII.

No gh'è più bel cantare della sera
La voce ciara e la lingua legera.
No gh'è più bel cantar de la matina
La voce ciara e la lingua laina.


Il C di voce si pronuncia come una Z aspra. Laina o ladina per sciolta, facile. Latino in questo senso ol usò anche Dante nel 3.o Canto del Paradiso:


Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_popolari_vicentini.djvu/13&oldid=61898"