Pagina:Canti popolari vicentini.djvu/14

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


Però non fui a rimembrar festino;
Ma or m'ajuta ciò che tu mi dici,
Sì che raffigurar m'è più latino.

Nel Convito disse: A più latinamente veder la sentenza. — Come agli augelli, la natura insegnò al popolo il canto quasi a conforto delle solitarie fatiche. Un rispetto toscano dice:

S'io canto tutto il giorno il pan mi manca;
E se non canto mi manca a 'gni modo.


IX.

— O dona mare,1 mi moro d'amore
Perchè la rizzolina2 no me vole.
— Figliuolo3 mio, ma vustu che t'insegna,
Alora te vedarè la rizzolina:
5Faremo fare un pozzo in mezzo a l'orto,
Tute le bele vegnerà per aqua.
Tute le bele le andasea e vegnea
La rizzolina mai no se vedea.
— O dona mare, mi moro d'amore
10Perchè la rizzolina no me vole.
— Fate sonar l'avemaria da morto
Tute le bele vegnerà al to corpo. —
Un'oseta da la parte dell'orto:
Lo spirito de l'amante mio ch'è morto;
15Se credesse d'averghe fatto un torto
Certo che dal dolor mi moriria.
— O dona mare, deme4 una corona
Che vada al corpo de quella persona.
— Figliuola mia, cossa dirà la gente?
20— O dona mar, dirò che son parente.
O largo, largo quà tuta sta gente.
Che vogio dar un baso a sto parente.

  1. mare, madre
  2. rizzolina, ricciutina
  3. figliuolo dice per maggior grazia la canzone invece di fiolo.
  4. deme, datemi.