Arringa sul Decreto di Abolizione de' Frati/17

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
[p. 105 modifica]
XVII


Prima che a sta dimanda ghe risponda
     Le prego acompagnarme sin al Lido,
     3(Xa che me xe propizio el vento e l’onda),
Dove me par che su la spiagia un grido
     Tuto a l’intorno assordi e Cielo e Mar
     6De zente priva de socorso e nido.
Questa, le se la pol imaginar,
     Questa xe quela tal popolazion
     9Che ogni dì se soleva alimentar

[p. 106 modifica]

Da una nobile, insigne Religion,
     Che a setecento e più de quel Distreto,1
     12Mossi da religiosa compassion,
La ghe soministrava, oltre el paneto,
     La carne, el riso, el sal, el vin, le legna,
     15L’ogio, i medicinali, el soldo, el leto,
E a compimento d’opera sì degna
     A tanti e tanti l’abito e ’l mantelo;
     18Ma senza che qua passi la rassegna
Con tropa digression a tuto quelo
     Che i aveva per i so’ sostentamenti,
     21I gaveva l’ajuto (e qua m’apelo
A ognuno ch’abia veri sentimenti
     De Religion) sta zente pur gaveva
     24La Cristiana istruzion e i Sacramenti,
Che ne la vera strada li meteva
     D’esser fedeli a Dio e al Prencipato:
     27E tuto questo ancora sucedeva
In ogni altra Provincia de lo Stato,
     Come in progresso ghe farò veder,
     30Con interesse publico e privato.
San Nicolò del Lido monastier
     Cussì famoso un tempo e cussì antigo,
     33Convertido le ’l veda in un Quartier

[p. 107 modifica]

De Soldai (co mio rossor el digo);
     Epur l’è quel dove la Maestà Publica
     36Dopo l’union tra ’l Papa e Federigo
Co l’interposizion de la Republica
     A rinovar su l’aqua el gius real
     39Le va el dì de la Sensa in forma publica,
Con tal pompa e aparato trionfal,
     Che mai nè i Greci nè i Romani Fasti
     42I à visto in tute le so’ età l’ugual.
Al Senato ripeterghe me basti,
     Che Domenego Dose Contarini
     45Quei sacri Chiostri, or profanadi e guasti,
Circa al mile e sessanta, o in quei confini
     (Epoca che credeva rispetada!)
     48L’à fato eriger ai Benedetini.
Ora seguendo l’intrapresa strada
     Anca per poco, a San Giorgio Magior
     51A la sfugita demoghe un’ochiada.
Questo xe restà salvo in tuto, fuor
     Che i Monaci xe stai messi a dozena
     54A un tanto a testa, come fa el Trator;
E l’Abate, che se vedeva apena
     Ne le funzion e ne i pontificali,
     57Col cambiamento de sta nova scena
L’à da tegnir quaderni e mensuali
     Per render conto a la Cassa Civanzi
     60De le rendite tute e capitali;
Perchè tuti i residui e tuti i avanzi

[p. 108 modifica]

     I vaga, dove? dove Dio lo sa...
     63E de sto passo progredindo inanzi
L'istesso pur i à fato, e i farà
     De tuti i Monisteri Cassinensi
     66Che ancora xe restadi via de qua.
Vostre Zelenze qua le me dispensi
     Che con ordine diga quel che resta,
     69Perchè per quanto che ghe studj e pensi
Sta materia me xe cussì molesta
     Che sistemar no posso co la mente
     72Le moltiplici idee che ne la testa
Racolte aveva preventivamente;
     Tanti xe i ogeti dolorosi e tristi!
     75Per farghene el svilupo chiaramente
Le me seguiti ancora e le me assisti;
     E se sucederà che ai moti, al volto
     78Veda che le se scuota o le se atristi,
     Prova sarà che mi nel segno ò colto.


L'Autore di più non scrisse.


FINE



Note a cura de Bartolommeo Gamba
  1. Il Monastero di S. Nicolò di Lido dispensava giornalmente elemosine alla povera popolazione, decaduta dopo la soppressione del Monastero medesimo nella maggior indigenza, perchè lontana da qualunque soccorso.