Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 10.djvu/108

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


     I vaga, dove? dove Dio lo sa...
     63E de sto passo progredindo inanzi
L'istesso pur i à fato, e i farà
     De tuti i Monisteri Cassinensi
     66Che ancora xe restadi via de qua.
Vostre Zelenze qua le me dispensi
     Che con ordine diga quel che resta,
     69Perchè per quanto che ghe studj e pensi
Sta materia me xe cussì molesta
     Che sistemar no posso co la mente
     72Le moltiplici idee che ne la testa
Racolte aveva preventivamente;
     Che tanti xe i ogeti dolorosi e tristi!
     75Per farghene el svilupo chiaramente
Le me seguiti ancora e le me assisti;
     E se sucederà che ai moti, al volto
     78Veda che le se scuota o le se atristi,
     Prova sarà che mi nel segno ò colto.


L'Autore di più non scrisse.


FINE
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_10.djvu/108&oldid=66023"