Arringa sul Decreto di Abolizione de' Frati/16

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
[p. 102 modifica]
XVI


Qua bisogna che mi gh’apra una scena
     La più lugubre, lagrimosa e trista
     3Che mente possa imaginar apena!
Che in Republica mai l’ugual fu vista
     Nel vastissimo giro de le età
     6Onde Dio vol che ancora la sussista;
Che mai nè pur xe stada vista là
     Dove sin da l’abisso l’eresìa
     9Contro la Chiesa la s’à scatenà.
Nè d’oratoria l’è, nè de poesia
     Un artifizio questo, o un ritrovato
     12Di una faconda calda fantasìa,
Ma l’è più tosto a la Razon de Stato
     Un colpo che la manda in soversion
     15Con ecidio total del Prencipato.
Chi me darà la voce e l’espression

[p. 103 modifica]

     Adatade a sto tragico sogeto
     18Per poderghe far ben la descrizion?
Come unirò la libertà al rispeto,
     I riguardi al caratero sincero,
     21La politica al dir libero e schieto?
Ma, viva Dio, che vogio dirghe el vero
     E dirghelo ghel vogio schieto e neto
     24Perchè de niente temo e niente spero,
Col progeto del gran Regolamento
     De doverse eseguir su le Man-morte,
     27Dopo un longo e maduro pensamento
L’à credudo poder far cambiar sorte
     A le publiche cose e a le private
     30Riaprendoghe al bon ordine le porte,
Perchè Seniores, et in dignitate
     Costituti, e tra questi i più sapienti.
     33Direti dal poder del so Primate1
I à fato i so disegni su i Conventi,
     Sora le Chiese e sora i sacri aredi
     36Al servizio de Dio solo inservienti.
No le creda che esageri e che ecedi,
     Ghe digo che la prima cosa è stada
     39Darghe a Santi e a Madone i so’ congedi.
Le se prova ele de dar un’ochiada
     In prima atorno questa Dominante

[p. 104 modifica]

     42Da sto progeto meza sfigurada.
Le zira per un poco tute quante
     Le Contrade, e le cerca ogni Sestier,
     45I Canali, le Strade, e tante e tante
Strade dove sia Chiesa e Monastier;
     E le diga, se alcuna ghe ne resta
     48Imune, salva, ilesa da veder.
Le scora col pensier cussì a la presta,
     La Tera-ferma; le scora più Contadi
     51D’istruzion privi. Adesso le se aresta.
Le veda un poco come sia tratadi
     I Frati ne la mensa, nel vestiario,
     54E come in ogi i sia consideradi!
Le diga, se in sto dì ghe sia divario
     Tra una persona sacra e un servitor,
     57Che forse assae più l’à de salario;
E po’ (quelo che più me fa stupor)
     L’è el veder che se fa tanto strapazzo
     60Ugualmente del doto e del signor,
E che i se meta tuti quanti a mazzo
     Sino i patrizj stessi co i plebei,
     63Che no gà, a cussì dir, gnanca el pagiazzo;
E come i fusse aponto tanti rei
     I se trata con tale e tanta asprezza
     66Co scandolo d’Eretici e d’Ebrei.
Epur la magior parte gera avezza,
     Prima de farse Frati, in le so’ case
     69A viver con decenza e morbidezza!

[p. 105 modifica]

Ma quel che sora tuto me despiase,
     L’è veder che sia stada messa man
     72In quello ch’è fondamento e base
D’ogni Governo, o sia d’ogni Republica;
     Democratico overo Aristocratico,
     75Anarchico, o sia Despota o Sovran!
Mi ghe confesso el vero; resto estatico
     Che per uno che assae de lu presume,
     78Per un che a tuti i segni xe un fanatico,
Lassèmo che s’estingua in nu quel lume
     Che ne serve de scorta e de veicolo
     81A la Rason de Stato e al bon costume;
E che sia esposto a un prossimo pericolo
     El publico interesse, e ’l nostro nome
     84Da l’estere Nazion messo in ridicolo;
     E ghe sarà chi me dimanda el come?



Note a cura de Bartolommeo Gamba
  1. Seniores il magistrato de’ X Savj. In dignitate, la Deputazione alle Man-morte. I più Sapienti i Savj Grandi. Il Primate non si nomina per riguardo.