Arringa sul Decreto di Abolizione de' Frati/12

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
[p. 88 modifica]
XII


Finalmente arivai semo a veder
     El giro de più secoli, e a sentir1
     3Sta gran compilazion senza poder

[p. 89 modifica]

Gnancora co la mente ben capir
     Quel ch’el vogia provar co sta gran serie
     6De Legi, che su tute el vòi smentir.
Seben tanto versado in ste materie,
     Lu de ste Legi a modo soo d’intender
     9El ghe ne fa un amasso, una congerie,
Quasi ch’el vogia, per dir cussì, pretender
     D’imponerghe al Senato, con impegno
     12Che da le so’ opinion l’abia a dipender;
Perchè tuto el so sforzo, el so disegno
     Xe de cambiarghe el spirito e la forza,
     15Che mi de farghe confessar m’impegno;
Che per quanto ch’el tenta e ch’el se sforza
     De combater la Massima in contrario,
     18Più co le so’ rason el me rinforza,
Vòrle sentir adesso sto Aversario
     Come vòi da so posta ch’el se intriga?
     21Le permeta che leza el Segretario...
Le bada a ste do Legi, e le me diga2
     Se per poder intender sta quistion
     24Ghe vogia metafisica o fadiga?
Ma de tuta sta gran compilazion,
     O sia de data vechia o sia de nova,
     27Torò su solo la Legislazion.

[p. 90 modifica]

Le altre no le m’importa: nè le giova
     Co tuto quelo che in ste do’ xe scrito;
     30O el se regola in altre, o el se rinova.
Nè serve quel che prima xe sta dito...
     Le senta donca in carte otantatre
     33Quel che dise el Comun con quel so Edito
Sin dal mile tresento trenta tre,
     (E le me daga torto, se le vol,
     36Che son za rassegnà): Conciossiachè
Quando el ben publico patisse... Pol
     Parlar più schieto de cussì sta Parte
     39Co ’l senso leteral no se ghe tiol?
Le la esamina tuta a parte a parte,
     E le staga a sentir quel che la dise
     42Con natural semplicità, senz’arte,
Qua l’efeto xe sol, che la interdise
     De tegnir più in Rialto, e in la Cità
     45Alcune possession, e con precise
Note la parla; e lu gh’à baratà
     El sentimento in modo che destruto
     48El vol quel che la Lege à reformà.
Potrà lassar... Questa xe donca tuto
     L’ogeto de sta Parte, se volèmo
     51Andarla esaminando ben per tuto!
Quando questo dialeto nu intendèmo
     No gh’è da dubitar. Del Testator
     54O donator inter vivos... replicando
Del Testator, pensele, o del dator

[p. 91 modifica]

     Inter vivos? Per Dio, l’è parlar schieto,
     57Sora de che niente ghe xe da opor.
Ma za che d’acordarme l’è costreto
     Ch’altro senso no gh’è che ’l leteral
     60Al qual s’abia da star e andar sogeto;
Con tuta la so’ boria magistral,
     Quando ch’el sia de corpo e mente san,
     63E l’abia la potenza natural,
Vorìa ch’el me disesse, se per man
     D’altri sta Lege mai sia stà segnada
     66Che dal Comun, che xe ’l Corpo Sovran
De sto Governo, e se ghe sia stà dada
     In alcune ocasion mai al Senato
     69Sta podestà, che sol xe riservada
A quel Corpo che forma el Prencipato,
     Senza che se vegnisse a sconcertar
     72L’armonia de le Parti de sto Stato?
Sior Piero, m’averè da perdonar
     Se doverè sentirme tropo spesso
     75Sta medesima cosa a replicar.
No l’è mia debolezza, vel confesso,
     Ma forse una sofistica premura
     78Che nel Giudice el ponto resti impresso;
E molto più co l’è d’una natura
     Che rachiudendo in sè el più sugoso
     81De tuta la materia chi el trascura
Perde el più sostanzial e ’l più nervoso.
     Ma perchè su sto afar d’Opere Pie

[p. 92 modifica]

     84Me preme che nessun resti dubioso,
     Le prego adesso, in Carte otantasie.



Note a cura de Bartolommeo Gamba
  1. Lettura della Parte del Maggior Consiglio 1333. Con questa Introduzione si mostra l’inabilità colla quale il Franceschi ha voluto compir la sua Scrittura con una enunziazione di Leggi dal 1200 al 1764, quando le posteriori alle due 1333 e 1536 sono tutte esecutive o regolative delle medesime, e niente servivano quelle prime al caso presente.
  2. Cioè le Leggi del M.C. 1333 e 1536.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Arringa_sul_Decreto_di_Abolizione_de%27_Frati/12&oldid=54561"