Arringa sul Decreto di Abolizione de' Frati/13

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
[p. 92 modifica]
XIII


Le senta mo quel ch'el Mazor Consegio,
     Cioè la Legislativa Podestà,
     3L'ordena dopo dal Sovran so' segio,
Senza che niente mai sia derogà1
     A quel che in altra soa Legislazion
     6Che adesso mi gh'ò leto, l'à emanà?
Le prego a renovar la so' atenzion
     Perchè me preme assae ch'ognun sia istruto
     9Su quel che xe de pochi a cognizion.
El Franceschi scomenza a far el bruto!
     Nel mile cinquecento trenta sie,
     12Via, ai trentaun de decembre, per dir tuto.
Sul Consegio... cioè: Opere Pie...
     Le prego, le rifleta a sti ani diese!
     15Qua cavève dai ochi le scarpìe
Sior Piero, o disè pur che no avè intese
     Espression cussì chiare e convenienti
     18Che no le amète dubj nè contese.
A sto Dogado... Le ghe staga atenti,
     Perchè su sto Dogado mi in apresso
     21Farghe ghe doverò bravi comenti.

[p. 93 modifica]

Et cetera... E qua quel ch’in apresso
     Vien de sta Parte ghe farò veder
     24Che l’è a tenor de quel che gh’ò promesso
De provarghe. Bisogna o ben saver
     Intender el volgar de sto Latin,
     27O pur bisogna certo straveder
Per sostentar che qua un diverso fin
     Abia avudo el Consegio co sta Parte,
     30Che, a mio parer, la stà drento al confin
De la prima, perchè in tute ste Carte
     Ele ben sentirà, che preservadi
     33El vol i Loghi Pii, nè el se departe
Da sta Massima; e che sol regoladi
     El vol i abusi che anca sin d’alora
     36De quando in quando gera contempladi.
Qua ghe voràve tempo più d’un’ora
     Per comentar sta Parte, ma ghe basti
     39Do’ cose sole esaminar per ora;
La prima xe (e qua no gh’è contrasti)
     Ch’el Comun sempre preservar l’intende
     42I Loghi Pii, e che per quanto vasti
Sia st’impegni, che i vol, o che i pretende
     Cambiar in distruzion una Riforma
     45No i sa quel che i se diga; perchè tende
Sta Parte solo a stabilir la forma
     Dei Loghi Pii, senza stacarse mai
     48Da quela prima regola o sia norma
Che prima ai Diese Savj, e po al Pregai

[p. 94 modifica]

     Xe stà racomandà, aciò su questa
     51I stia in farla eseguir sempre piantai.
Quelo che in sto ponto anca me resta
     De dir, el dirò dopo terminada
     54La letura co l’ordene che in testa
M’ò proposto, perchè no sia alterada
     Sta materia cussì vasta e gelosa,
     57E tuta la ghe sia delucidada.
Adesso vegno a la seconda cosa
     Che gh’ò acenà, se le se l’arecorda
     60Su sto Dogado ghe vòi far la glosa.
Co sto gran Consultor no se la scorda
     Vorìa saver cosa che l’à mai dito
     63Quando che l’à sentìo tocar sta corda.
Qua le prego de unir el primo Edito
     Del Comun col segondo che gh’ò leto
     66Per veder come in questi do’ sta scrito.
Nel primo solamente el s’à ristreto
     Ne la Cità e in Rialto, e in sto segondo
     69L’à voludo el Dogado anca interdeto.
Le ghe bisega un poco sin al fondo
     De sta Parte, e le veda, se ghe par
     72Sto ponto del Dogado s’el sia tondo.
Su sto ponto no gh’è da dubitar,
     Per quanto intendo debolmente, quando
     75No se vogia nel torbido pescar.
Voràve anca saver chi à dà ’l comando
     Che in Rialto e in Cità fosse proibii

[p. 95 modifica]

     78Sti aquisti e sti possessi, e chi à da ’l bando
Del Dogado in sta Parte ai Loghi Pii;
     Cioè chi mai sia stà quelo ch’à proibido
     81Che da nove possessi i sia investii?
A convincerme in questo mi lo sfido,
     Perchè a fronte de la so’ testa e scienza,
     84E vasta cognizion, mi me ne rido.
Co le intende sto ponto, de presenza
     Le vederà chi sia el Legislator,
     87E chi dà su ste cose la sentenza:
Solo el Mazor Consegio xe l’Autor
     De ste do’ Legi, nel qual sol risiede
     90Tuto el so gran poter nel so’ vigor.
Mi so che sto prencipio el me concede,
     Perchè se ’l pretendesse qua d’esporse,
     93Dirìa, che no ’l intende o che ’l stravede;
Nè ch’el me staga a meter pur in forse
     Sto ponto in un Governo Aristocratico,
     96Perchè segno sarìa, che no l’à corse
Le Legi del diverso sistematico
     Ordene dei Governi, e co ’l confonde
     99Le parti con el tuto l’è un fanatico.
Ma senza che in questo me difonda,
     A quel Decreto del mile seicento
     102E cinque, adesso un poco lu risponda;
     E de perder sta causa son contento!



Note a cura de Bartolommeo Gamba
  1. Si allude alla Parte del M.C. 1533
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Arringa_sul_Decreto_di_Abolizione_de%27_Frati/13&oldid=54562"