Arringa sul Decreto di Abolizione de' Frati/11

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
[p. 84 modifica]
XI


A ela, sior Segretario mio Legista,
     La daga mo de man a sta Scritura
     3Che vogio che ghe demo una revista,
Per mi farò un gran sforzo de natura,
     (Del che peraltro no me comprometo)
     6Se taserò durante la Scritura;
Ma dopo terminada, Circospeto
     Sior Piero, sentirè come me cavo
     9Col senso de ste Legi dal spagheto.
Donca, sior Segretario, via da bravo,
     Adesso vederèmo chi de nu
     12Ga la busca nei ochi e chi ga ’l travo;
Ghe n’ò vogia che mi no posso più...
     La leza forte: La conservazion1
     15De le sostanze... sia, la diga su.
Del corpo laico... in la propagazion
     E in l’alimento de la prole. Tuto
     18El so pensier xe in la generazion!
Sale cossa ch’el vol là che sia el fruto
     De sto gran aparato ch’el ghe fa?
     21Ch’el nervo de sto Stato sia destruto.
Vostre Zelenze ben lo vederà

[p. 85 modifica]

     Si, le lo vederà, ma sale come?
     24Come do e do fa quatro demostrà.
Con sta Scritura el se farà un gran nome,
     Le sentirà in sto calcolo sto Sior
     27Che fuora el vegnirà con rome e tome;
Ma le suplico adesso, per amor
     De Dio, sto primo punto de ascoltar
     30Perchè l’è quelo che me sta più a cuor.
Le fazza grazia qua d’esaminar
     Come tute ste Legi mai se possa
     33A modo de sta testa interpretar,
Senza dar un gran urto e una gran scossa
     A quela soda interna polizia
     36Che tuta afato xe direta e mossa
Da quela gran Massima, che sia,
     Base d’ogni Governo e Prencipato,
     39Architetà con giusta simetrìa,
El legame tra ’l Publico e ’l Privato,
     Dal qual per conseguenza ne deriva
     42El ben de tuto el Corpo, o sia del Stato.
E a sta Massima mai no se ghe ariva
     Quando no se mantegna intata e ilesa
     45La sacra Podestà Legislativa,
Che in sè sola ga union, e ga compresa
     La forza de le Legi, ne le quali
     48La trova el so sostegno e la difesa.
Da ste espression sì schiete e leterali

[p. 86 modifica]

     Ghe pol nasser equivoci? ma questi
     51Xei termini alegorici o reali?
Mi no ghe vegnirò via con pretesti,
     Nè ghe baraterò quel sentimento
     54Che ste Legi rachiude nei so’ testi.
In ste Legi no gh’è no el pensamento
     De la propagazion, che no le tende
     57Che a una Riforma o sia Regolamento.
Viva Dio, che o el volgar le no lo intende,
     O co de Sopression e de Riforma
     60Un dopio senso se ghe dà, se ofende
Con tropo ardita temeraria forma
     L’oracolo de la Publica mente
     63Che a sè stesso l’è sol regola e norma;
E col dise de queste, el se ne mente.
     Ma, perchè el cerca de tirarle in rede,
     66Sora sto ponto le ghe staga atente!
Contè su... e regolate, qua le vede
     Che per Massima ferma, ugual, costante
     69Lu vol regolazion. Co ’l me concede
Ste investiture, oltre le tante e tante
     Espression de sta Lege in sto proposito,
     72No ghe par che la sia prova bastante?
Tenuti di pagar gravezze. Hoc posito,
     Caro sior Piero, ve domando adesso:
     75Come mai sosteneu sto gran sproposito,
Che se possa otener un fin istesso

[p. 87 modifica]

     Da do’ diametralmente estremi oposti,2
     78Come intendè parlar co sto Processo?
Lu ne supone qua tuti disposti
     A creder le falope ch’el ne impianta
     81Co sti maliziosi contraposti.
S’acorzele a sto passo qual e quanta
     Arte ghe sia per inganarle? Amigo,
     84Sapiè che trovarè in nu altretanta
Acortezza per evitar l’intrigo
     Che vu ne andè tramando, e quanto prima
     87Sentirè su sto punto quel che digo.
Avanti... Sto scritor qua el se sublima3
     Con una erudizion, che a mio parer
     90Ga da far come el magio co la lima.
Eh! vu se’ ancora grezo in sto mestier!
     Ghe vol altro che dar una tirada
     93De Legi per far pompa de saver!
Tuta roba da esser spegazzada;
     Vu ve fevi più onor se no vantevi
     96Tuta sta gran dotrina stirachiada.
Oh che gran bei riflessi! No vedevi
     Che co l’andar cussì tanto vagando

[p. 88 modifica]

     99De Lege in Lege al fin vu ve imbrogevi?
Le senta come qua el va amplificando
     Ste cose, che a dir poco una ventina
     102De volte el sarà andà drio replicando.
Nu ghe ne avemo in sin a domatina
     De sta Legenda... Co sta so’ gran testa
     105Me par ch’el voga de trasto in sentina!
Stimo con che franchezza che l’inesta
     Cabale sora cabale! l’ora
     108Vedo che le sia solevade... Oh questa
L’è roba nova, tanto che mi credo
     Che nessun in passà l’abia mai dita,
     111E col dise de queste mi ghe cedo.
Dove àlo mai trovà sta roba scrita,
     Che per Dio, Montegnaco in le so’ carte
     114No l’aveva cussì frita e rifrita!
     Ma lezemo do’ sole sole Carte.4



Note a cura de Bartolommeo Gamba
  1. Sono le parole della Scrittura Franceschi.
  2. Due diametralmente estremi opposti, in conseguenza di quel che vuol provare, sono la Riforma e la Soppressione.
  3. Qui si allude alla Storia di Paolo V, che fulminò l’Interdetto contro la Repubblica, ed all’altre del canonico Zabarella e del Ravagnin.
  4. Quella del 1333 e l’altra del 1536, dalle quali derivano tutte le altre.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Arringa_sul_Decreto_di_Abolizione_de%27_Frati/11&oldid=54560"